Connect with us

Cronaca

JESI / Liguori: «Il Pnrr occasione unica per il “Carlo Urbani” dopo vane promesse»

Il responsabile del Tribunale del Malato, Pasquale Liguori, all’Amministrazione comunale: «Occasione per ampliare il pronto soccorso»

JESI, 13 gennaio 2022 Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), «quali indicazioni ha dato l’Amministrazione comunale per l’ospedale “Carlo Urbani”?».

E’ la richiesta di Pasquale Liguori, responsabile del Tribunale per i diritti del Malato, in merito ai fondi del piano preparato dall’Italia per rilanciarne l’economia fortemente scossa dalla situazione pandemica.

Andreoli immobiliare 01-07-20

«La Regione, tenendo conto delle indicazioni dell’Amministrazione comunale fabrianese, ha stanziato 14 milioni di euro per l’ospedale di Fabriano nel Masterplan dell’edilizia ospedaliera (sull’intero territorio regionale si prevedono interventi per 700 miliomi di euro). La notizia ci ha dato lo spunto per chiedere quali indicazioni sono state date alla Regione dall’Amministrazione comunale di Jesi circa gli interventi necessari per il nostro ospedale».

Pasquale Liguori

Secondo Liguori l’occasione è ghiotta per «far arrivare alla Regione almeno il progetto di ampliamento del pronto soccorso, promesso da tempo alla nostra città e mai realizzato. Durante tutti questi mesi di pandemia la necessità di realizzare nuovi spazi per il pronto soccorso si è fatta ancora più pressante per dare dignità, sicurezza e riservatezza ai pazienti oltre che per avere una migliore funzionalità dell’attività di emergenza e urgenza».

I fondi Pnrr, secondo Liguori, sono «occasione più unica che rara e vista l’impossibilità logistica di ampliare il pronto soccorso esistente, auspichiamo che l’Amministrazione comunale si proponga per presentare in Regione, prima che i fondi si esauriscano, un progetto di realizzazione di un nuovo pronto soccorso all’esterno dell’ospedale (lo spazio c’è) che preveda ovviamente collegamenti idonei con il resto della struttura».

(e.d.)                                     

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche

Condividi