Connect with us

Cronaca

JESI / Lina Pirani, la jesina che fu la prima poliziotta delle Marche

La sua divisa è ora esposta al Museo delle divise della Polizia di Stato a Pistoia, era stata una delle prime 120 donne a far parte del corpo della Polizia Femminile

JESI, 19 ottobre 2021 – Era jesina la prima poliziotta delle Marche, una delle 120 donne che da tutta l’Italia erano entrate a far parte del corpo della Polizia Femminile nel 1961. E oggi la sua divisa è esposta al Museo delle divise della Polizia di Stato di Pistoia.

Quinta di dodici figli di Giuseppe e Ada Pirani, sorella del compianto Paolo Pirani cui è dedicato il monumento al campo Boario, Lina Pirani nacque a Jesi nel 1931 ed è scomparsa a luglio dello scorso anno, a 89 anni.

A destra, Lina Pirani

Lina aveva studiato al Liceo Classico, compagna di Valeria Moriconi, e spinta dal suo forte senso civico e sociale, decise di partecipare al primo concorso indetto nel 1961 dal corpo di Polizia Femminile. Il Corpo era nato nel 1959, e solo nel 1981 fu unito alle Guardie di Pubblica sicurezza, diventando la Polizia di Stato che esiste ancora oggi.

Nel 1961, quindi, Lina viene assunta con il primo concorso dal corpo della Polizia Femminile, con destinazione Pesaro. Il suo ufficio era in un vagone ferroviario. Nei primi tempi doveva svolgere mansioni oggi di competenza dei giudici dei tribunali e degli assistenti sociali, come l’assistenza a famiglie, donne, minori e anziani non autosufficienti.

Ma tante altre furono le missioni a cui Lina Pirani venne destinata nel corso della sua carriera, come il terremoto del Belice del 1968, quello di Ancona del 1972 e quello del Friuli del 1976, dove collaborò con il padre della Protezione Civile, Giuseppe Zamberletti.

Tanto si distinse nel suo lavoro che nel 1982 il Ministero dell’Interno la inviò a Verona a far parte del gruppo investigativo sul rapimento del generale americano James Lee Dozier a opera delle Brigate Rosse, quindi nel 1984 al tribunale di Macerata, dove si svolgeva il processo alla colonna marchigiana delle Br, con il compito di dirigere le perquisizioni personali delle donne implicate. Negli ultimi anni della sua carriera, aveva il compito di seguire sorvegliati speciali del carcere di Fossombrone in provincia di Pesaro-Urbino.

Lina Pirani era Ispettrice Capo, e per la sua professionalità, dedizione e discrezione, è stata insignita delle onorificenze di Cavaliere della Repubblica e di Grande Ufficiale al Merito. Titoli di cui andava orgogliosa, rendendo fiera tutta la famiglia, ma che non ha mai ostentato.

Lina era molto legata alla terra di origine e alla famiglia, e ogni domenica tornava a Jesi, dove spesso le persone si rivolgevano a lei per i primi problemi di separazioni, droga, comportamenti a rischio di minori. A nessuno, ricorda la sua famiglia, ha mai negato i suoi saggi consigli. Al bisogno, collaborava con Madre Flora, una suora che nel 1951 aveva fondato a Pesaro l’Istituto missionario della Fanciullezza, dove accoglieva e assisteva a tutte le ore bambini in stato di bisogno.

La sua carriera è stata raccontata da vari articoli che hanno sottolineato come il suo lavoro fosse per lei una vera e propria missione. Carriera che quest’estate, a un anno dalla scomparsa, è stata notata anche dal Museo delle divise della Polizia di Stato di Pistoia, a cui la famiglia ha donato la sua divisa.

Elisa Ortolani

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  
    
Continua a leggere

news

Cronaca33 minuti fa

Jesi / La casa vacanza non c’era, famiglia truffata

La Polizia denuncia una donna di Bologna, con precedenti specifici: aveva proposto un appartamento sul lungomare senigalliese Jesi, 10 agosto...

Eventi & Cultura2 ore fa

Jesi / Marta e Malgorzata in un viaggio unico tra storia e musica

Insieme in un’opera per viola e pianoforte, un progetto che le inserisce nel Festival Pergolesi Spontini di settembre, in collaborazione con...

Attualità2 ore fa

Falconara / Gara di solidarietà per Alessandro

Il 63enne vive da tempo in condizioni difficili, salute precaria e di notte dorme sulle panchine della stazione o di...

assunta legnante assunta legnante
Attualità2 ore fa

Cupramontana / Assunta Legnante brinda alla cantina Vallerosa Bonci

La campionessa paralimpica ha trovato la forza di andare avanti nello sport con coraggio, forza, determinazione, voglia di vivere, di...

Sport2 ore fa

Moie / Alessandro Ragaini, nuotate nell’oro

Cresciuto in seno al Team Marche l’atleta ha fatto la parte del leone ai Campionati italiani di categoria Moie, 10...

Attualità2 ore fa

Cingoli / La memoria del beato Bartolo ora anche su pietra 

Dopo la solenne concelebrazione eucaristica l’inaugurazione dell’epigrafe commemorativa nel luogo della sua nascita Cingoli, 10 agosto 2022 – Lo scorso...

Lettere & Opinioni2 ore fa

Sanità / I pronto soccorso versano in una situazione difficile

La segreteria regionale di Cittadinanzattiva scrive al governatore Francesco Acquaroli e al rettore della Politecnica delle Marche, Gian Luca Gregori,...

Eventi & Cultura2 ore fa

Cingoli / San Severino Blues torna in piazza con Noreda Graves

Stasera Piazza Vittorio Emanuele II ospita una delle voci soul più apprezzate d’America, ingresso libero Cingoli, 10 agosto 2022 –...

Breaking news2 ore fa

Sostenibilità / “Spighe Verdi”, da Confagricoltura attestato al Sindaco di Senigallia

L’attribuzione del riconoscimento alle località che promuovono uno sviluppo rurale sostenibile e i Comuni a vocazione balneare sono in prima...

regione marche regione marche
Breaking news2 ore fa

L’inchiesta / Maltrattamenti su anziani nel Fermano: la Regione parte civile

«Qualora le persone che sono state colpite dalle misure precautelari verranno rinviate a giudizio», afferma l’assessore Filippo Saltamartini Ancona, 10...

Meteo Marche