Connect with us

Cronaca

JESI / Lo Stretto di Messina a nuoto: l’impresa dello jesino Luca Civerchia

Luca Civerchia stretto a nuoto

Il titolare di Rossointenso tra i protagonisti della “Tancrede Swim Challenge” nell’ambito di un progetto solidale, ed è arrivato da Jesi in bicicletta

JESI, 14 luglio 2020 – Un viaggio che è una ripartenza, quello intrapreso da Luca Civerchia, 40 anni, titolare dell’enoteca Rossointenso di via Mura Occidentali.

Lui è uno dei dieci nuotatori di tutta Italia che proprio in questi giorni si è calato nelle acque dello Stretto per la V edizione del “Tancrede Swim Challenge… la sfida di un giorno la sfida per la vita”, dedicata al giovane Tancrede Roy di Boston, magnate statunitense che sostiene i progetti solidali dell’Associazione L’Aquilone onlus di Messina, presieduta da Rosario Lo Faro.

Il gruppo di nuotatori è partito lunedì 13 luglio da Capo Peloro per arrivare a Cannitello sulla costa calabra. La traversata è stata coordinata dalla cooperativa Colapesce di Giovanni Fiannacca, che nel 1969 compì la prima traversata agonistica: un’istituzione nel posto.

Andreoli immobiliare 01-07-20

«Il viaggio nasce per la volontà di staccare, di ripartire sia mentalmente che fisicamente visto che il periodo lavorativo è “tosto” – racconta Luca Civerchia -. Ho deciso quindi di arrivare in bici fino allo Stretto e poi farmela a nuoto: non si può, però, arrivare e farlo perché ci sono barche che passano, pesci spada e squaletti. Mi sono quindi unito alla traversata organizzata e ho iniziato il corso di allenamento. Ho sempre voluto tentare questa impresa, adesso avevo tempo e possiblità».

Al termine della traversata il presidente dela onlus, Lo Faro, ha consegnato le medaglie commemorative agli atleti e al comandante Giovanni Fiannacca.

Luca Civerchia stretto a nuoto

Il dettaglio della traversata con il tempo di Fiannacca

Poco più di un’ora il tempo impiegato dallo jesino.

«Ho fatto il pieno di energie nuove: la traversata è stata una piccola parte di un viaggio. Giovanni Fiannacca aveva calcolato maree e passaggi delle barche: quella mattina, infatti, c’era corrente e la traversata è stata di 3, 7 chilometri, è passata anche una grande nave da crociera».

(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.