Connect with us

Cronaca

JESI / OPERAZIONE “PNEUS”: PRESA DAI CARABINIERI LA BANDA DEI FURTI NELLE AUTO

Tutti napoletani: foravano le gomme dei veicoli selezionati e aspettavano di entrare in azione quando le donne o gli anziani presi di mira cercavano di sostituirle derubandoli di borse e portafogli: 4 i furti commessi a Jesi

JESI, 24 aprile 2019 –  I Carabinieri del Comando Provinciale di Ancona in collaborazione con quello di Napoli hanno dato esecuzione a 7 ordini di custodia cautelare in carcere emessi dal Gip del Tribunale dorico su richiesta della Procura della Repubblica di Ancona.

Il tutto a coronamento dell’Operazione Pneus, l’indagine condotta dai Carabinieri della Compagnia di Jesi, che aveva preso avvio nel novembre del 2017 e che ha portato ad accertare 63 furti e due danneggiamenti commessi dai componenti della banda in tutta la penisola. Operazione illustrata stamattina presso il Comando provinciale dell’Arma, diretto dal colonello Cristian Carrozza, alla presenza del comandante della Compagnia di Jesi, capitano Simone Vergari (foto in primo piano).

I sette sono tutti residenti nel centro di Napoli e per compiere le loro azioni criminose si attrezzavano per andare in trasferta con autovetture prese a noleggio per essere difficilmente individuati, e colpire soprattutto donne e anziani, le loro vittime prefertite. La tecnica era quella consolidata della gomma bucata, vale a dire il foramento di uno pneumatico dell’auto presa di mira, generalmente parcheggiato nei pressi di un centro commerciale, auto  il cui proprietario era già stato selezionato.

Quando tornava dalla spesa e si accorgeva del danno, la donna o l’anziano in causa si dava da fare per la sostituzione e questi erano gli attimi cruciali: i malviventi, infatti, entravano in azione rubando borse o portafogli che erano all’interno della macchina.  Generalmente ad agire erano in due ma se c’erano più persone che occupavano il veicolo allora entravano in scena gli altri complici con la finalità di distrarre. Non solo, ma a volte si offrivano proprio loro di intervenire nella sostituzione del pneumatico forato mentre gli altri componenti la banda si occupavano a loro volta di derubare la vittima di turno.

Inoltre, alcuni derubati dovevano aggiungere altre al danno subito anche l’utilizzo indebito di carte di credito e bancomat custodite nei portafogli sottratti. I sette, comunque, si alternavano nello loro azioni criminose delle quali 9 sono state commesse proprio tra la provincia di Ancona e quella di Macerata per quanto riguarda le nostra regione.

In particolare a Jesi i furti furono messi a segno il 21 novembre 2017, due il 9 gennaio e uno il 31 dello stesso mese nel 2018. Gli altri a Falconara Marittima, e a Civitanova Marche.

Le altre regioni colpite: Campania, Umbria, Sicilia, Abruzzo, Toscana, Emilia Romagna. (leggi articolo)

(p.n.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.