Connect with us

Cronaca

JESI / OSVALDO PIRANI: «MENU DA PRIMATO, MA COME MAI MOLTI BAMBINI TORNANO A CASA DA SCUOLA SENZA AVER TOCCATO CIBO?»

JESI, 16 marzo 2017 – Presa di posizione del candidato Sindaco del Pd, Osvaldo Pirani, a proposito del menu delle mense scolastiche cittadine.

Come annunciato ieri da una nota del Comune, secondo una particolare indagine, la seconda, di foodinsider – il sito nazionale dei genitori sensibili alla qualità del cibo – che premia i menu più equilibrati “in base a parametri delle lineee guida della ristorazione scolastica e le recenti raccomandazioni dell’Oms“, Jesi rimane nei primi posti pur avendo perso il primato nazionale dello scorso anno.

Il primato dello scorso anno

“L’indagine sulle mense scolastiche – scrive sul suo sito Pirani – vede Jesi ancora nella top ten, benchè superata da altre realtà nella corsa verso la vetta.
Ne dà notizia un comunicato stampa dell’amministrazione comunale, il quale spiega che la classifica premia i menu più equilibrati in base a parametri che nulla hanno a che vedere con il gradimento del pasto da parte degli alunni.
Sì, perchè poi la realtà racconta di bambini che tornano ogni giorno a casa da scuola senza aver toccato cibo, con i genitori costretti a farli pranzare (o cenare) alle quattro del pomeriggio.
 Con tutte le problematiche che ne conseguono: digiuno prolungato, calo della concentrazione, spreco alimentare, soldi buttati.
A cosa serve dunque primeggiare in una graduatoria che premia l’introduzione di pasta semi-integrale, la riduzione di insaccati, la varietà di legumi, se poi tutto rimane nel piatto?
Si dirà che ci sono problemi oggettivi e assai complessi da risolvere. Bene, facciamolo. Poi semmai esultiamo“.
 
Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.