Connect with us

Cronaca

JESI / POTENZIAMENTO DELL’ORGANICO PER I VIGILI DEL FUOCO

Il distaccamento sale a Sd4, da 28 a 46 uomini, intanto il Conapo esulta per il raggiunto adeguamento alle altre forze di polizia delle retribuzioni e del sistema previdenziale

JESI, 8 dicembre 2019Potenziamento in vista per quanto riguarda il distaccamento dei Vigili del Fuoco di Jesi che passa da Sd3 a Sd4, il che vuol dire che da 28 unità si dovrebbe arrivare a 46.

L’annuncio del comandante provinciale

L’annuncio è arrivato da parte del comandante provinciale di Ancona, Dino Poggiali, nel corso dell’inaugurazione della nuova sede operativa della Protezione Civile di Castelplanio, avvenuta ieri. E giunge dopo la mal digerita soppressione della partenza di Falconara Aeroporto.

Andreoli immobiliare 01-07-20
Dino Poggiali

Dino Poggiali con il governatore Luca Ceriscioli

«La decisione del Ministero dell’Interno è una bella notizia – ha detto – che permetterà una maggiore capillarità di interventi sul territorio della Vallesina», un bacino di circa 100 mila abitanti che comporta costante attenzione, continuità e tempestività di intervento.

Un incremento organico notevole che, in termini pratici, significa quasi 12 uomini per ognuno dei quattro turni, con la disponibilità operativa di una squadra e mezza, una prima partenza composta da 5 pompieri e minimo altri tre di appoggio o per un secondo intervento, con relativi automezzi, autobotte o autoscala a disposizione.

Ma non si tratta dell’unica buona nuova

«Esultiamo per l’accordo raggiunto nel vertice di governo: 65 milioni di euro nel 2020, 125 nel 2021 e 165 strutturali dal 2022 per adeguare le retribuzioni e il sistema previdenziale dei Vigili del Fuoco a quello delle forze di polizia, che si aggiungono alle risorse per il normale rinnovo del contratto di lavoro, è il più grande stanziamento mai ricevuto dai Vigili del Fuoco».Vigili del fuoco Conapo
Mirco Luconi, segretario provinciale di Ancona del sindacato autonomo Conapo, ha espresso la propria soddisfazione in merito all’accordo sulla legge di bilancio, raggiunto venerdì sera nel vertice di governo.
«Quando il premier Conte il 23 ottobre ci aveva convocati a Palazzo Chigi – aggiunge soddisfatto Antonio Brizzi, segretario generale dello stesso sindacato – sul piatto c’erano solo 10 milioni, oggi il governo ne ha stanziati 165 strutturali, segno che la nostra mobilitazione annunciata quel giorno a Conte era non solo giusta ma doverosa verso i pompieri».
«Ringraziamo tutto il  governo a partire dal premier Conte che ha raccolto le nostre istanze, il capo politico del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, che si è speso incessantemente per i Vigili del Fuoco, il  fondamentale lavoro del vice ministro dell’economia Laura Castelli, del sottosegretario Carlo Sibilia, che il 19 novembre aveva preannunciato il risultato ai 3 mila Vigili del Fuoco in protesta a Montecitorio, molti dei quali (52) arrivati anche da Ancona, e di quanti a livello di governo e parlamentare hanno collaborato per questo grande risultato, a partite dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese e dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri».
(p.n.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  


Meteo Marche