Connect with us

Cronaca

JESI / Protesta Torre Erap: «Operai senza busta paga da febbraio»

Il sindacato sta proclamando lo stato di agitazione: chiesto incontro con l’Ente e il Comune, irreperibile l’imprenditore della ditta che esegue i lavori

JESI, 18 settembre 2020 – La clamorosa protesta questa mattina nel cantiere della Torre Erap (Ente regionale per l’abitazione pubblica) ha acceso i riflettori sulle condizioni di lavoro degli operai.

Giuseppe Quinzi, della Cils Filca, si è confrontato con i lavoratori che denunciano ritardi nei pagamenti, condizioni di lavoro non in sicurezza e la presenza di telecamere.

Andreoli immobiliare 01-07-20

«Attualmente gli operai non hanno ricevuto lo stipendio di agosto ma tutti i mesi c’è ritardo nei pagamenti e l’incertezza di riceverli – spiega il sindacalista -. Gli operai mi hanno detto di non vedere una busta paga da febbraio, i soldi vengono versati con bonifico ma non possiamo sapere se corrispondono effettivamente alla busta paga. L’ultima che hanno ricevuto è di febbraio».

Irreperibile l’imprenditore della Pro. Lavsrl, l’impresa edile di Latina che si è aggiudicata l’appalto: «Non risponde al telefono, dà appuntamenti ma poi non si presenta».

Il sindacato sta proclamando lo stato di agitazione: «Dobbiamo capire la situazione: è un cantiere pubblico e non possono succedere queste cose. Al più presto vogliamo un incontro con il Comune di Jesi e l’Erap».

operaio-torre-erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap protesta operaio gru torre erap
<
>
Pino Nardella a colloquio con il comandante Vergari

Diverse le telecamere nel cantiere posizionate sia sulla gru dove è salito l’operaio questa mattina, che su delle palizzate sul lato della casa diroccata.

«Non si sa cosa registrano e non c’è sull’accordo sindacale, condizione essenziale anche per una questione di privacy. Per quanto riguarda la sicurezza sulla carta i dispositivi ci sono ma qualcuno mi ha riferito di portarsi scarpe e pantaloni da casa. Anche su questo aspetto vogliamo vederci chiaro».

Eleonora Dottori

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

parafarmacia gocce di salute


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.