Connect with us

Cronaca

JESI / QUARTO INCENDIO NELLE PALAZZINE IN ABBANDONO TRA VIA ASIAGO E VIA ROMA

JESI, 27 dicembre 2016 – E’ successo ancora, per la quarta volta, nelle palazzine abbandonate che di trovano tra via Asiago e il camminamento pedonale che parte da via Roma: ad andare a fuoco, stavolta, è stata la porta di accesso a un appartamento situato al primo piano dello stabile, al civico 102.

La porta è stata divorata dalle fiamme e le pareti d’ingresso dell’appartamento sono state annerite dal fumo.

Andreoli immobiliare 01-07-20

Le fiamme appiccate non dovrebbero essere di origine dolosa ma dovute a un corto circuito. Anche se lì non dovrebbe abitarci nessuno

Dolosi erano invece per le altre tre circostanze avvenute a distanza di un paio di giorni, il 7 e il 9 ottobre scorsi. E stanno indagando i carabinieri.

I vigili del fuoco del distaccamento di Jesi, sono intervenuti tra le 11.oo e l’una di stanotte dopo che era scattato l’allarme.

Vicino a quelle palazzine di origine ottocentesca e ristrutturate nel secolo scorso, ci sono anche 3 appartamenti regolarmente abitati da altrettante famiglie, per gli altri, invece, si tratta di abusivi, occasionali e non.

Il problema, adesso, come opera di prevenzione ed evitare altri corto circuiti, è quello di togliere definitivamente l‘energia elettrica che arriva ai contatori, in quanto gli abusivi si allacciano a monte degli stessi, senza compromettere la situazione per le tre famiglie circostanti.

Finestre in fiamme il 7 ottobre scorso

A questo dovrebbe provvedere l‘Enel sin da oggi attraverso un by-pass che permetta la connessione con la rete soltanto per loro e isoli tutto il resto.

Il 7 ottobre scorso avevano preso fuoco una persiana e una porta interna di un secondo piano, il 9 ottobre, invece, a distanza di 48 ore,  i vigili del fuoco, rischiando anche grosso per la presenza di una bombola di gpl lasciata lì, erano dovuti intervenire per ben due volte nell’arco della stessa notte in una palazzina a fianco della precedente per un incendio appiccato al portone.

La bombola di gpl lasciata all’interno del portone in fiamme il 9 ottobre scorso

L’area, detta anche dell‘ex filanda Girolimini, fortemente degradata, è di proprietà di privati che proprio lo scorso 1 dicembre avevano presentato al Comune un piano di recupero – il frazionamento, così come proposto, è stato approvato dal Consiglio comunale –  che prevede il risanamento dei due edifici più grandi e la demolizione dei tre più piccoli la cui cubatura verrà utilizzata per costruire un unicoterzo stabile.

Prima si comincia, a questo punto, meglio è.

(p.n.)

 

 

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.