Connect with us

Cronaca

JESI / Quel “pasticciaccio brutto” della scuola “Martiri”

La maggioranza punta il dito sulla ditta esecutrice dei lavori, l’opposizione invita a sbrigarsi con soluzioni consone per insegnanti e alunni costretti alla diaspora da due anni

JESI, 12 giugno 2020 – Il “pasticciaccio brutto” della scuola Martiri della Libertà, con alunni e docenti da due anni costretti al trasloco, tiene banco nel dibattito politico cittadino.

Scuola MartiriIl segretario del Pd Stefano Bornigia ha evidenziato le problematiche relative alla situazione sull’onda di quanto scritto dagli insegnanti della scuola primaria di via Asiago. Dall’opposizione si leva anche la voce di Jesi in Comune: «Stiamo parlando del sacrosanto diritto all’istruzione per tutti e tutte, pure per gli alunni della scuola Martiri. Le risposte servono ora. La mancanza di trasparenza e di chiarezza, anche in termini di scelte e proposte politiche sul punto, è ormai sotto gli occhi di tutti, anche dei genitori che hanno protestato vigorosamente ed oggi anche degli insegnanti che temono conseguenze pesanti anche in termini di iscritti e di sopravvivenza quindi di quella proposta formativa».

Andreoli immobiliare 01-07-20
Scuola "Martiri della Libertà"

La scuola Martiri della Libertà

Da tempo, secondo il gruppo di minoranza, si sarebbe dovuto ragionare su una struttura jolly: «Una scuola a moduli di legno in una zona che fosse vicina al bacino di utenza della Martiri o comunque nella parte centro – sud della città dove risiede la maggior parte degli alunni attuali e futuri, da poter utilizzare come jolly in casi di ristrutturazioni necessarie, soprattutto in questi tempi in cui, anche a causa dell’emergenza sanitaria, si avrà maggior necessità di spazi. Da parte dell’Amministrazione comunale nessuna apertura in tal senso, solo un’unica proposta: metà a Palazzo Carotti e metà al Mestica, prendere o lasciare».

La scuola Mestica

Tanti i dubbi su Palazzo Carotti, sollevati anche dagli insegnanti, circa la possibilità concreta di adattare gli spazi a scuola.

Sulla vicenda intervengono anche i gruppi di maggioranza: Jesinsieme, Jesiamo e Patto per Jesi chiariscono che «il ritardo non è causato da nostre scelte ma da problemi della ditta esecutrice dei lavori, estratta secondo quanto stabilito dal codice appalti, che ha tuttora grandi difficoltà. Andrebbe narrato che quella scuola, prima di questo intervento, mai era stata oggetto di riqualificazione, anche sismica, da parte di precedenti Amministrazioni pur in presenza di una normativa vigente a riguardo. Ritardi nei lavori non possono esserci se non si fanno».

(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   
parafarmacia gocce di salute


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.