Connect with us

Cronaca

JESI / Riabilitazione e sostegno a Torrette per Santiago Loccioni

Problemi alla gamba destra dove è stato operato, ma il morale del giovane di origine jesina è alto e fa ben sperare

JESI, 27 ottobre 2020Ginnastica e riabilitazione all‘ospedale regionale di Torrette per Santiago Loccioni (nella foto in primo piano con il fratello Diego), il 29enne di origine jesina vittima di un grave incidente in Thailandia la scorsa estate.

L’arrivo di Santiago a Torrette

«Cerchiamo di tenere alto il morale di Santiago che, per fortuna, è sereno – spiega il padre Marcello Loccioni -. Nei giorni scorsi i medici hanno provato a rimetterlo in piedi: la gamba destra, dove ha subito l’intervento chirurgico, fa ancora fatica mentre l’altra va decisamente meglio».

Andreoli immobiliare 01-07-20

Marcello Loccioni, il padre di Santiago

Ricoverato all’Unità spinale del nosocomio regionale, il giovane è assistito dal padre e dai parenti che vivono qui visto che la madre e il fratello abitano in Svizzera.

«Il primario mi è sembrato positivo – aggiungeil genitore. – Anche alla luce del fatto che Santiago ha rischiato la paralisi. Ora sta facendo palestra e riabilitazione anche per le mani e la muscolatura. Il morale è sicuramente più alto di quello di noi familiari che siamo ancora in apprensione».

Intanto è partita ieri dall’aeroporto di Fiumicino, per rientrare in Thailandia, anche l’assistente, ospitata dalla Caritas di Jesi, che lo ha accompagnato in Italia con il volo di rientro: un incubo finito lo scorso settembre quando, dopo numerosi voli cancellati, lo sfortunato giovane ha finalmente potuto fare ritorno a casa, proprio in mese fa.

Santiago durante il viaggio di ritorno

«Ora servono tempo per riprendersi completamente, determinazione e forza di volontà: speriamo di farcela» conclude il padre.

(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
 
 


Meteo Marche