Connect with us

Cronaca

JESI / SGOMINATA BANDA DI LADRI: 63 FURTI AI DANNI DI DONNE E ANZIANI

Sette napoletani hanno agito con la tecnica del pneumatico forato di auto in sosta in varie località dell’Italia centro meridionale: indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia di Jesi coordinati dalla Procura dorica

JESI, 24 aprile 2019 – Un gruppo criminale campano, composto da 7 napoletani, ritenuto responsabile di ben 63 furti messi a segno con la tecnica del pneumatico forato dell’auto in sosta presa di mira, è stato disarticolato dai Carabinieri della Compagnia di Jesi al termine di una serrata attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona.

Vittime prescelte della banda erano donne sole o anziani caduti in trappola nelle province di Ancona, Macerata, Viterbo, Roma, Latina, Frosinone, Napoli, Caserta, Salerno, Benevento, Avellino, Perugia, Terni, Catania, Chieti, L’Aquila, Pescara, Firenze, Grosseto, Bologna, Parma.

A Jesi, tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 si registrarono 4 furti messi a segno.

I militari hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Ancona per i sette uomini ritenuti responsabili di furti aggravati, uso indebito di carte di pagamento, danneggiamento.

La tecnica della “gomma forata”

Viene utilizzata dai malviventi per costringere il conducente – in questo caso donne o persone anziane – a uscire dall’auto dopo che alla stessa le è stato tagliato uno pneumatico: è la tecnica della gomma forata.

Alle prese con il problema contingente  della sostituzione, la vittima prescelta viene distratta al punto che i ladri ne approfittano per rubare tutto quello che riescono a trovare all’interno della vettura.

(p.n.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.