Connect with us

Attualità

JESI / SOLIDARIETÀ E UNIONE: IL FEMMINISMO SECONDO MARIE MOÏSE

Moise Casa delle donne

Gli incontri a Palazzo dei Convegni nell’ambito della mostra “Alza il triangolo al cielo” sui 50 anni del femminismo

JESI, 23 novembre 2019 – Una riflessione a tutto tondo quella della giovane attivista Marie Moïse ospite ieri sera a Palazzo dei Convegni nell’ambito della mostra “Alza il triangolo al cielo” sui 50 anni del femminismo. Dottoranda in filosofia politica all’Università di Padova e Tolosa II, redattrice del periodico Jacobin Italia, si è confrontata con Rossana Montecchiani e Paola Moreschi della Casa delle Donne.

Moise Casa delle donne

Emanuela Bartolini (Spaziostello), Marie Moïse, Paola Moreschi e Rossana Montecchiani

La visione di Marie Moïse, madre italiana e padre thaitiano, offre «un approccio ai problemi basato sull’intersezione di genere, razza e classe» che prende spunto da “Donne, razza e classe” di Angela Davis. Non c’è femminismo se qualcuna rimane indietro perchè «ha un colore della pelle diverso, se è povera o vittima delle disfunzioni della società capitalista contemporanea» ha detto, mettendo al centro della sua proposta politica «i bisogni e i desideri di tutte le differenti soggettività».

Un’operazione sociale e politica che parte dal basso: «Il prendersi cura dell’altro, come avviene nei centri antiviolenza, è una risposta alla crisi culturale, economica, sociale, politica e ambientale».

Partire dal piccolo ma guardare in grande: Marie Moïse ha portato un cesto contenente prodotti realizzati da donne vittime di abusi, violenza, donne povere e marginalizzate.

«Il cambiamento concreto della vita delle donne può essere sostenuto anche attraverso la solidarietà reciproca che ci permette di lottare e non sentirci sole: solo insieme possiamo liberarci dalla violenza che opprime le donne».

Moise Casa delle donneLa Casa delle donne in occasione dei Mercatini della Consulta delle Pace, che tradizionalmente si terranno a Palazzo dei Convegni dal  5 all’8 dicembre, venderà queste ceste il sui ricavato è destinato a scopi benefici.

Alle autoproduzioni alimentari delle Cuoche Combattenti di Palermo, nate per combattere la violenza domestica, alla Vodka Kollontal per la nascita di un caffè letterario gestito da donne e persone Lgbt a Bari, e alla borsa della sartoria Lucha Y Siesta, spazio autogestito romano per le donne vittime di abusi che rischia la chiusura, si aggiungerà un calendario realizzato dalla Casa delle donne di Jesi per sostenere attività e progetti.

 

 

Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne Moise Casa delle donne
<
>

Gli incontri a Palazzo dei Convegni proseguono stasera, ore 17.30 con Marina Toschi e Loredana Galano su “Aborto sicuro”. Domenica 24 novembre saranno ospiti Patrizia Caporossi  e Francesca Bartolacci per parlare di “L’Udi tra femminismo e neofemminismi” unitamente alle realtà femministe del territorio. Chiuderà la mostra il 25 novembre, alle 17.30, la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne: l’appuntamento con la scrittrice Sandra Petrignani che parlerà di “Lessico femminile” insieme a Selena Morici della rete “Le ragazze sono in giro”.

Eleonora Dottori

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Advertisement
loading...
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.