Connect with us
TESTATA -

Cronaca

JESI / SULLA SANITÀ È SCONTRO TRA SINDACATI, INTANTO IL PRONTO SOCCORSO DEL “CARLO URBANI” È NELLA BUFERA

JESI, 19 luglio 2015 – È guerra aperta tra le sigle sindacali della sanità. Lo scontro è tra la Fials e la Rsu che a quanto pare si è “dimenticata” di informare il delegato Fials sull’opportunità di rinviare un incontro con il vertice sanitario dell’Area Vasta 2.
Non possiamo, né vogliano tacere – tuona la Fials provinciale -, di fronte all’arroganza e prepotenza di chi ufficialmente agisce falsamente a nome e per conto anche della nostra sigla sindacale all’interno della Rsu di Area Vasta n°2, composta anche da delegati FIALS, regolarmente eletti dai lavoratori senza coinvolgimento di sponsor né amici politici, ma soprattutto senza informarci e coinvolgerci prima di prendere decisioni del tutto fuori luogo in questo momento dove purtroppo chi arriva in Ospedale per curarsi trova invece una differente realtà. Va affrontata la gravissima situazione presente al Pronto Soccorso di Jesi e invece l’atteso incontro previsto per il 16 luglio in Area Vasta 2 dove si sarebbero dovute affrontare le varie problematiche in essere è stato spostato ……a data da destinarsi”.
Aggiunge la Fials: “Con una striminzita nota sindacale a nome e per conto della RSU di Area Vasta 2, senza interpellare, coinvolgere, informare, gli scomodi componenti Rsu della FIALS, è stato chiesto da parte del coordinatore di Rsu di procrastinare a data da destinarsi l’incontro con la Direzione di Area Vasta n°2. In un momento in cui i problemi da affrontare sono rilevanti e andrebbero affrontati subito ,ma troppo spesso succede al contrario che nei tavoli di trattativa con la Direzione il diritto alla salute del cittadino nella nostra realtà sanitaria provinciale, al massimo trova spazio negli ordini del giorno nelle varie ed eventuali, tranne rarissime eccezioni, oltre al fatto che le richieste FIALS restano sistematicamente …inevase …da parte della DAV 2”.
E nel frattempo la Cgil boccia il balletto delle nomine nella Sanità previste dalla Regione: “La Regione Marche starebbe lavorando alacremente per far restare Ciccarelli oltre la scadenza del contratto nel 2017, ritenendolo uomo di punta. È per dire basta ai tecnicismi di Ciccarelli che i professionisti ed i cittadini interessati dalla Sanità marchigiana hanno dato fiducia all’attuale Presidente della Regione Marche, chiedendo di svoltare. Ciccarelli che parla di ulteriori 10 milioni di tagli lineari per la Sanità marchigiana non è certamente una novità, non è sicuramente il cambiamento atteso. Se ora, anche nell’ambito della partita delle nomine, venisse interrotta la continuità delle felici e coraggiose esperienze registrate e delle buone intenzioni avviate, verrebbero vanificati tutti gli sforzi fatti, e sarebbe un grosso errore, alla pari della conferma del burocrate Ciccarelli”. Come già anticipato, sul fronte della politica, il Pronto Soccorso jesino è di nuovo nell’occhio del ciclone. Il consigliere Cesare Santinelli ha inviato una lettera al sindaco Massimo Bacci, al presidente del Consiglio comunale, Daniele Massaccesi, e al presidente della Commissione Sanità per chiedere la convocazione della Commissione con all’ordine del giorno la questione del Pronto Soccorso. “I vertici Asur – sottolinea Santinelli – hanno sempre detto che il personale non è sotto organico… Ora basta! Che venga subito aperta una commissione d’inchiesta su quanto è accaduto al Pronto Soccorso di Jesi. E’ inaccettabile morire al pronto soccorso dopo essere stato classificato come codice verde. Se ci sono delle responsabilità che vengano accertate“.

Andreoli immobiliare 01-07-20
Condividi
  
    

news

Attualità12 minuti fa

Falconara / Padre Francesco diventa sacerdote nella sua città

Nella chiesa di Sant’Antonio dove è cresciuto ha celebrato la sua prima messa, dal 15 luglio farà ritorno in Polonia...

Alta Vallesina58 minuti fa

Basket Serie B / Secondo colpo Ristopro: ecco Simone Centanni

Il realizzatore dorico sposa la causa fabrianese dopo aver trascorso l’ultimo quadriennio alla Luciana Mosconi Fabriano, 29 giugno 2022 –...

Breaking news1 ora fa

Covid-19 / Nelle Marche 1.938 positivi, l’incidenza sfiora 700

Nella nostra regione 2 decessi, in provincia di Ancona confermata la positività di 648 positivi Ancona, 29 giugno 2022 –...

Cronaca5 ore fa

Serra de’ Conti / Finisce con l’auto fuori strada, ragazza al pronto soccorso

L’incidente in un tratto dell’Arceviese, era stata fatta alzare in volo anche l’eliambulanza ma non ce n’è stato bisogno Serra...

Alta Vallesina5 ore fa

Fabriano / Maxi rissa, Chalet chiuso per 20 giorni

Indagini ancora in corso per individuare tutti i responsabili delle risse Fabriano, 29 giugno 2022 – Proseguono le indagini della...

Alta Vallesina5 ore fa

Fabriano / Il Festival del Disegno riparte da Milano

Partenza dal Castello Sforzesco il prossimo 10 settembre, in tutta Italia fino al 9 ottobre Fabriano, 29 giugno 2022 –...

Cronaca6 ore fa

Jesi / Anffas: «Buon lavoro al sindaco Lorenzo Fiordelmondo»

L’associazione ha preso atto che il tema dei servizi sociali è stato oggetto di attenzione: disponibilità a collaborare Jesi, 29...

Cingoli6 ore fa

Cingoli / “Borghi Aperti”, una domenica tra arte e storia

Il 3 luglio: il Comune in collaborazione con la Pro Loco, il Travelearn Marche Cingoli e Noi Marche: prenotazione obbligatoria...

Alta Vallesina7 ore fa

Basket Femminile A2 / La Halley conferma Benedetta Gramaccioni

«Sono molto contenta di rimanere a Matelica, la società è ambiziosa e io mi sento come a casa», queste le...

Alta Vallesina9 ore fa

Fabriano / Whirlpool, ceduti asset alla turca Arçelik

Le sigle sindacali chiedono un vertice urgente al Mise per cercare di chiarire il futuro della multinazionale in Italia Fabriano,...

Meteo Marche