Connect with us

Attualità

JESI / UNIVERSITÀ, SI CHIUDE A FINE ANNO: «IMPOSSIBILE SOSTENERE I COSTI»

Università Jesi

La questione arriva in Consiglio regionale ma la sostanza non cambia, e «a farne le spese saranno gli studenti» dice la consigliera Romina Pergolesi

JESI, 20 marzo 2019 – Università, la sede di Jesi chiuderà i battenti a fine 2019. Le voci si rincorrevano da tempo, ora l’ufficialità con l’assessora regionale Loretta Bravi in risposta alle interrogazioni dei consiglieri Sandro Zaffiri e Romina Pergolesi.

Bravi Loretta

Loretta Bravi

«Con l’anno scolastico 2018/2019 l’Università di Macerata chiuderà i propri uffici e le attività didattiche a Jesi. Assicurate lo svolgimento delle sessioni d’esame fino a febbraio 2020. La Fondazione Colocci – si legge nella risposta dell’assessorato regionale – che ospita la sede distaccata dei corsi di Giurisprudenza e il biennio magistrale, ha richiesto all’Ateneo di interrompere un precedente accordo in base al quale i corsi si sarebbero svolti fino al  2025».

Una richiesta motivata dall’impossibilità da parte della Fondazione Colocci di sostenere i costi previsti per la collaborazione con Unimc, essendo venuto meno il significativo sostegno finanziario della Fondazione Carisj.

«L’Università di Macerata, rinunciando ad una considerevole parte delle sue spettanze, chiuderà uffici e attività didattiche con la fine del corrente anno, garantendo le sessioni d’esame fino a febbraio del prossimo anno. Unimc sta programmando di svolgere su Macerata  i corsi di Jesi, risultando solo una disponibilità di massima proposta da Civitanova Marche di mettere a disposizione spazi idonei per lo svolgimento delle attività didattiche. La Regione, non avendo competenza in materia, non può prevedere alcun impegno finanziario avendo inoltre gli Atenei piena autonomia nell’organizzazione delle attività». L’assessora conclude: «Gli studenti che hanno titolo al riconoscimento delle provvidenze per il diritto allo studio potranno usufruire anche dei servizi previsti per gli studenti fuori sede».

Romina Pergolesi

Romina Pergolesi

Pronta la risposta dei Romina Pergolesi, consigliera regionale Movimento 5 Stelle: «L’Università di Macerata chiuderà i propri uffici e le attività didattiche a Jesi, garantendo solo gli esami fino a febbraio 2020, in quanto è venuto meno il consistente contributo che la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi garantiva alla Fondazione Colocci (ente gestore dei corsi a Jesi). A farne le spese saranno gli studenti che dovranno spostarsi nella sede di Macerata. Ho intenzione di scrivere al rettore dell’Università di Macerata e al Ministro dell’Istruzione per chiedere che, a salvaguardia del diritto allo studio, agli iscritti all’università di Jesi vengano riconosciuti contributi per la frequentazione dei corsi nella nuova sede e per seguire le lezioni online, anche considerato che l’Unimc partecipa al progetto università digitale».

(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.