Connect with us

Attualità

JESI / VIA BALDESCHI BALEANI, RESTA L’INCOMPIUTA

I cittadini e soprattutto i residenti della zona hanno segnalato la situazione a volte teatro anche di incidenti ed attendono interventi concreti.

JESI, 6 marzo 2019 – Sta per essere sistemata definitivamente la rotatoria che unisce la SP9 con via Baldeschi Baleani, opera di assoluta necessità che libera il traffico e consente l’innesto sulla stessa provinciale per chi proviene da Monteroberto direzione Jesi o zona Piandelmedico, Staffolo, Cingoli e superstrada 76.

I lavori hanno fatto si che anche i collegamenti, sia su gomma che pedonali,  tra la stessa rotatoria ed il ponte sul fiume Esino siano garantiti con tutte le sicurezze e gli accorgimenti del caso.

Soprattutto per i pedoni e le biciclette che per circa 50 metri, nella doppia direzione Jesi-nuova rotatoria e nuova rotatoria-Jesi, prima di immettersi sulla ciclabile e pedonabile del ponte sul fiume, di proprietà del Comune di Montecarotto,  hanno il loro passaggio laterale di transito in sicurezza.

Cosa che al contrario non è garantita sull’altro lato del ponte di proprietà del Comune di Jesi e che per ora rimane come una sorta di incompiuta.

In sostanza chi attraversa il ponte sul fiume direzione Jesi, in entrambi i lati, alla fine si trova davanti l’ostacolo costretto ad immettersi nella sede stradale con tutti i rischi e pericoli del caso.

Una sorta di strozzatura lunga circa 50 metri, sia sul lato destro che sinistro, perché poi la sede stradale prevede una banchina in entrambi i lati dove appunto chi cammina a piedi o transita in bicicletta può di nuovo rifugiarsi.

In questi giorni i cittadini ci hanno segnalato questa necessità confermando di essersi già in passato rivolti all’ufficio tecnico del Comune competente, sia quello di Jesi che quello di Monteroberto, ricevendo come risposta la necessità di un intervento.

Ora Monteroberto è intervenuto, Jesi invece no!

Ancora i lavori sulla rotatoria non sono ultimati e si dice e si pensa che saranno a breve completati pure con i lavori sul ponte del fiume Esino come l’installazione dell’illuminazione dove tutto è predisposto ma mancano i pali ed i collegamenti.

Perché non pensare a sistemare anche le banchine laterali?

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.