Connect with us

Attualità

MAIOLATI S. / Riqualificazione aree urbane, stanziati 200 mila euro

Comune di Maiolati Spontini approvato bilancio

Nell’ultima seduta del 2021 il Consiglio comunale ha anche approvato la nuova convenzione con Sogenus

MAIOLATI SPONTINI, 1 gennaio 2022Ultimo Consiglio comunale del 2021, quello di mercoledì 29 dicembre, che ha licenziato pratiche importanti, come lo stanziamento di circa 200 mila euro per il piano “Qualità dell’abitare” e la nuova convenzione tra il Comune e la Sogenus Spa riguardante la gestione “post mortem” della discarica Cornacchia.

Il primo provvedimento riguarda il progetto premiato dal Ministero per le Infrastrutture nel bando dedicato alla riqualificazione dei centri urbani, alla residenza sociale e all’inclusione, classificatosi tra i 30 migliori in Italia, che vede come capofila il Comune di Jesi

«La Giunta di Maiolati Spontini, con ratifica di Consiglio – spiega l’assessore al Bilancio, Cristiano Montesi – ha stanziato 200 mila dei quasi 6 milioni dei fondi destinati alla riprogettazione dell’area delle ex scuole di Moie e dell’ex area industriale di via Torrette. Questo per accelerare le procedure di esecuzione visto che la scadenza dei termini è stata fissata per il 2026». 

Il bando prevede due interventi specifici. Il primo riguarda la riconversione dell’area delle ex scuole elementare e media di Moie, con demolizione e ricostruzione di due edifici, uno per realizzazione di alloggi sociali (alloggi Erp e di edilizia convenzionata), l’altro per realizzazione di alloggi per utenze particolari, in particolare anziani autosufficienti, con relativi servizi di assistenza e altri spazi per servizi sociali, per un importo complessivo di 2 milioni e 720 mila euro. Saranno 7 mila i metri quadrati per i servizi pubblici, con particolare attenzione agli anziani e alle associazioni culturali.

Il secondo intervento riguarda il recupero e riqualificazione di un’area industriale dismessa in via Torrette, sempre nella frazione di Moie, in collaborazione con un imprenditore privato, per la realizzazione di residenze sociali e di edilizia convenzionata, di residenze in edilizia libera e di spazi commerciali. Il piano prevede anche la realizzazione di un percorso pedonale di collegamento tra la nuova fermata ferroviaria di Santa Maria e il centro della cittadina, per un totale di 2 milioni e 200 mila euro. 

Oltre a questi due interventi, infatti, è previsto un sistema complessivo di opere per una mobilità sostenibile, con lo sviluppo di sistemi di viabilità e trasporto a basso impatto ambientale nell’ottica di metropolitana di superficie, incrementando le fermate nell’area urbana.

Oltre alla stazione di Jesi, in corso di modernizzazione, e alle altre due fermate già esistenti di Pantiere e Castelbellino, per le quali si prevedono piccole opere di riqualificazione, il progetto comprende una nuova fermata, piazza Santa Maria, in via Torrette, che sarà collegata a livello ciclo-pedonale e stradale con il centro di Moie, molto importante per la fruizione dei servizi collocati nella cittadina. La prospettiva, inoltre, è proseguire il collegamento ciclo-pedonale con Piazza Kennedy. 

Il Consiglio comunale di mercoledì 29 dicembre ha anche approvato la nuova convenzione tra il Comune di Maiolati Spontini e la Sogenus Spa riguardante la gestione “post mortem” della discarica Cornacchia.

La vecchia convenzione, ormai scaduta, regolamentava i rapporti tra Comune e società “in house” riguardanti l’operatività di abbancamento dei rifiuti.

Tiziano Consoli, sindaco di Maiolati Spontini

«Con la nuova convenzione – spiega il sindaco Tiziano Consoli – si regolamentano esclusivamente le attività di mantenimento della discarica non più operativaLa durata della gestione post-operativa sarà differenziata in relazione alle aree di discarica oggetto della stessa. Nello specifico, per le aree di impianto inerenti il primo, secondo e terzo stralcio della discarica, la gestione post-operativa, essendo già iniziata nell’anno 2009 e prevista per la durata di trenta anni, avrà termine nell’anno 2038; per le aree di impianto inerenti il quarto stralcio della discarica, la gestione post-operativa, essendo di fatto già iniziata nell’anno 2020 a seguito della cessazione dello smaltimento dei rifiuti speciali per esaurimento del volume autorizzato, e prevista per la durata di trentadue anni, avrà termine nell’anno 2051».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi