Connect with us

Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

LÌ LE GRAZIE

 

– Adalgisa sede vù?

– Oh va, Terè, come stade?

– E come ho da sta…sto a sede. Cò sto caldo. Voleo fa dù passi ma po’ ho visto sta panchina e ho approfittado pè riposamme un boccò. Tanto pe’ la messa c’è ‘na mezzora bona.

– Ah, gide a la messa. Ma lì l’Adoraziò è ‘n pezzo che non ve se vede più. Comm’è?

– Ho fatto a cagnara cò Adelelma.

– Ah sci? E perché?

– Perché è tirchia rabbida. Tutte le ‘olte che passa el monello pell’offerta, vijacco sci je dà venti centesimi, quela ‘ttaccada! E sta’ zitta ‘na olta, due, tre, a la fine ho sbottado. J’ho ditto: “Cosa, sede de manniga un po’ troppo stretta? No, digo, almeno a quele pòre annime del purgatorio je la ‘ccendede ‘na candelina ogni tanto?”.

– E lia que ha risposto?

– Non je l’avessi mai detto! È diventada tutta roscia che parea che schioppava da ‘n momento a n’antro, po’ ha fatto, tutta seria: “Vù impicciadeve de le candele vostre che a le mia ce penso io. E da oggi non me rivolgede più parola, che sci prima me stavate ‘ntipadiga, adè non ve guardo più nte la faccia”.

– Oh Gesù, Giuseppe e Maria! E vù?

– Io je voleo tirà ‘na borsettada nte la testa, a quela zitellaccia, ma me vergognavo a famme vede dal prede e so’ gida via.

– Lassade fa’, tanto vù la coscienza ce l’ede a posto. E adè in quale chiesa gide?

– Chì le Grazie, cuscì fò ancora dù passi. Verso le 4.30 pio la coriera che non se paga eppò viengo a pregà pè quei nipoti e per l’annima de Vincè mia. Tanto un boccò de spesa l’ho fatta stamadìna: ho comprado dù banane, un boccò de stracchino e ‘na svizzera.

– Na svizzera?

– Sci, la magno co’ du patate fritte, i pummidori, un boccò de pregiutto, un tantì de emmenthal, dù merendine e ‘na trocca de caffellatte cò le fette biscottade. Vedè quanto magno pogo? Que volè, cò l’età so’ diventada lincia, non me va più niè.

– Non me pare proprio. Me pare che lo stommigo non ve fa difetto. Io sci e no che je la fo a mannà giù ‘na fettina de filetto (de vidella).

– Perché je la fade a ‘cciaccalla?

– Eh, piano, piano.

– Beada vù! Io co’ ‘sta dentiera non fo altro che tribbolà. È proprio vero: la vecchiaia è brutta muntobè…VE AUGURO DE NO’ RIVACCE!

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.