Connect with us

Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI E CHIACCHIERE IN DIALETTO

LA BELLISSIMA STORIA DE CAPPUCCETTO ROSSO

Tanto tempo fa ce stava ‘na certa Cappuccetto Rosso. ‘Na madina la mamma je disse: “Ah Cappucce’, pia ‘sto cestì e portalo da nonneda, ma attenziò a le bestie cattive che gira tra le fratte. Ciao, torna presto e in bocca al lupo”. Cappuccetto non capì tanto be’ quest’ultima frase e si avviò da per lia ntel bosco. Cammina cammina a un certo punto je se parò davanti un lupaccio che je disse: “Weh, bardascia, indove vai?”. “Da nonna che è piccola ma magna – rispose Cappuccè -. Vedi, el cesti è pieno de robba da magna’: melangole, perelle, scarciofeni, selleri, pummidori, maragnani eccedera”. “Salude cocca!…beh, ade’ devo gì via perché m’ha squillado il telefonì, ascusa”. E quel birbacciò del lupo se ne andò. Mentre Cappuccetto, che era lenta muntobè, continuava a passeggià nte la foresta, il lupo arrivò dalla vecchia, suonò il campanello e se la ingollò in un boccò. Poi, scaltro come una faina, indossò la camicia da notte e il beriolo della nonna e se ficcò sotto le coperte. Quando Cappuccetto arrivò a destinaziò e aprì la porta, vide la nonna (che non era la nonna) e disse: “Ma que fai, ancò stai a letto?”. “Eh, so’ tanto stanca nipodina mia, stamadina ho fatto troppa ginnastiga”. “Oh pora nonna…”, replicò la piccola che, pure sci n’era tanto sveja, dopo aver guardato mejo, iniziò ad avecce qualche sospetto: “Ma nonna, che occhi grandi che c’hai…vòi un boccò de collirio??”. “So’ pe’ guardatte mejo, piccina mia…”, rispose la finta nonna. “Eh, ma che orecchie grandi che c’hai! Te ce fo i bagnoli?”. “So’ per sentitte mejo, piccina mia…”. “E sci, però, guarda che bocca che c’hai! Ma da quant’è che non te dai ‘na sistemada a la dentiera?? E se può sape’ que càzziga te magni? Ma non cel sai che all’età tua el pregiutto fa male, el pegorino pure…hai da diventa’ vegana e t’hai da prepara’ solo le minestrine come le creature, scindonga vai a fa’ la tèra pel cece!”. La finta nonna non ce vide più da le madosche: “Ah Cappucce’, ma si venuda a troà a nonna o a roppe li coiombrisi??”. E se la magnò.

Morale: a esse tristi non va be’, ma qualcuno te le leva da le ma’.

 

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

 

Rubrica di Gioia Morici

 

SONDAGGI TELEFONICI IN VALLESINA

 

Pronto…chi è? Com’ede ditto che ve chiamàde? Rolando? Ma chi sede, el fijo de Gaetanì che commèda le bigiglette giù ‘l Prado? Ah, no? Ascusàde tanto, me paréa…E qu’avéde ditto che voléde? Un sondaggio telefonico? E que sarìa? Aah…n’intervista?? Ma come ce pensàde?! Se vede che non c’avéde nie’ da fa’, eeh…io invece adè ve saludo che non so ndo sbatte la testa. A cojò! Ma que? Ancora discoréde?? Non c’ho tempo da perde, ooh! La voléde capi’? C’ho da sistema’ casa, po’ me devo vesti’ e c’ho pure da fini’ de cucina’…come? voléde sape’ que fo da magna’? El conijo co’ le padade. No in podacchio, no, ntel forno. Sci, co’ ‘sto caldo. Perché col caldo vu’ non magnàde? Ma, insomma: que ve servirìa esattamente da me? Un parere su la vida de oggi?? Digo, la pagàde vu’ ‘sta telefonada, coso? No, perché sci v’ho da di’ tutto quello che penso de la modernidà ce stamo ‘na mesàda sci che no. Prima de tutto, la gente non ce sta più co’ la zocca. Tutti che cure…cure…cure…ma ndo madonna va, eh? Ah, per me non cel sa mango lora. Ma que fade, ridéde? Come me chiamo io? Me chiamo Mariola. Sci, ve la digo l’età, prolligò: c’ho 83 anni e cingue mesi. Que ve sa fadìga? Daje, però, ade’ perdero tiràde via, che c’ho prescia. Que fo a ferragosto? Vo a pranzo da mi’ nòra. Capirai! Allora magno parecchio! No, non cucina proprio male, no…ma ficca tutto ‘nte quel coso…lì…comm’è che je dice? El micio-onde…scì, daje ‘n po’…quel fornelletto che drendo ce cape sci e no ‘na costa de sellero! Ma el giorno de la festa ‘na lastrina de vincesgrassi te puzza, digo io? Ma lìa dice che “è tanto stracca”…stracca de que non s’è capìdo. Sta tutto el giorno colca giù ‘l mare e po’ da cena compra la pizza già fatta! Vòi mette ai tempi mia? quanno se facèa quelle belle magnàde de stoccafisso…de baccalà fritto….de fagioli co’ le còdighe…Quelle sci che dava gusto! Oddio, el pòro Armandì dopo ‘na cena de trippa in ummido è gido a fa’ la tèra pel cece…ma, del resto, se vede che era destinàdo luscì. Eppò, aho, c’avea pure novantun anno: e que è, ‘na sciapàda? Eh, caro Rolandì, la vecchiaia è brutta muntobe’…VE AUGURO DE NO ‘RIVACCE. 

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

LÌ LE GRAZIE

 

– Adalgisa sede vù?

– Oh va, Terè, come stade?

– E come ho da sta…sto a sede. Cò sto caldo. Voleo fa dù passi ma po’ ho visto sta panchina e ho approfittado pè riposamme un boccò. Tanto pe’ la messa c’è ‘na mezzora bona.

– Ah, gide a la messa. Ma lì l’Adoraziò è ‘n pezzo che non ve se vede più. Comm’è?

– Ho fatto a cagnara cò Adelelma.

– Ah sci? E perché?

– Perché è tirchia rabbida. Tutte le ‘olte che passa el monello pell’offerta, vijacco sci je dà venti centesimi, quela ‘ttaccada! E sta’ zitta ‘na olta, due, tre, a la fine ho sbottado. J’ho ditto: “Cosa, sede de manniga un po’ troppo stretta? No, digo, almeno a quele pòre annime del purgatorio je la ‘ccendede ‘na candelina ogni tanto?”.

– E lia que ha risposto?

– Non je l’avessi mai detto! È diventada tutta roscia che parea che schioppava da ‘n momento a n’antro, po’ ha fatto, tutta seria: “Vù impicciadeve de le candele vostre che a le mia ce penso io. E da oggi non me rivolgede più parola, che sci prima me stavate ‘ntipadiga, adè non ve guardo più nte la faccia”.

– Oh Gesù, Giuseppe e Maria! E vù?

– Io je voleo tirà ‘na borsettada nte la testa, a quela zitellaccia, ma me vergognavo a famme vede dal prede e so’ gida via.

– Lassade fa’, tanto vù la coscienza ce l’ede a posto. E adè in quale chiesa gide?

– Chì le Grazie, cuscì fò ancora dù passi. Verso le 4.30 pio la coriera che non se paga eppò viengo a pregà pè quei nipoti e per l’annima de Vincè mia. Tanto un boccò de spesa l’ho fatta stamadìna: ho comprado dù banane, un boccò de stracchino e ‘na svizzera.

– Na svizzera?

– Sci, la magno co’ du patate fritte, i pummidori, un boccò de pregiutto, un tantì de emmenthal, dù merendine e ‘na trocca de caffellatte cò le fette biscottade. Vedè quanto magno pogo? Que volè, cò l’età so’ diventada lincia, non me va più niè.

– Non me pare proprio. Me pare che lo stommigo non ve fa difetto. Io sci e no che je la fo a mannà giù ‘na fettina de filetto (de vidella).

– Perché je la fade a ‘cciaccalla?

– Eh, piano, piano.

– Beada vù! Io co’ ‘sta dentiera non fo altro che tribbolà. È proprio vero: la vecchiaia è brutta muntobè…VE AUGURO DE NO’ RIVACCE!

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

DEBBY, JESSY E FUFFI

 

Pronto, so’ Debora, c’è Jessica? Jessy, ma, sei te? Non t’aveo riconosciudo, ciao, que fai, studi? Ambè, me parea che studiavi, m’avea preso un colpo…nooo, non studio manco io, ma come ce pensi? Senti, te chiamo pe’ raccontatte ‘na cosa, non te rendi conto que m’è successo. Tiette forte: me so’ lassada co’ Tommy. Come perché? Perché m’ero stufada. Aho, c’ho 15 anni, oramai so’ grande, fo come me pare e sci me stufo, amen. Sì, cel so che l’altro ieri stavamo insieme, ma è successo ieri…come ieri quanno? Ieri sera alla festa giù via Roma, verso le 11…e alle 11 e 10 me so’ messa co’ Fuffi. Come Fuffi chi? Fuffi, l’amico de Pippi…dai, el cugino de Andri, quello che stava cò Jenny…no Danny, Jenny! Jenny, la sorella de Raffi! Sì…sì…es…esatto…Raffi, la ex de Johnny, braa…proprio lia. Hai capido ade’ chi è lo ragazzo novo mia? Babbo, sci, ho finito co’ la trama de Beautiful…no, non ce sto tanto al telefono, ade’ metto giù e viengo a cena. Insomma, come arrivo alla festa, vedo a Fuffi! Era bello muntobè: c’aveva i jeans che je ‘rivava giù i ginocchi, la majetta mezza sghizzada de vernice, i capelli lunghi tutti incaccoladi, du’ anelli ntel naso, tre nte ‘na ganascia e quattro nte le ‘recchie…guarda: a confronto Sebastian de Maria de Filippi è un contadì de la Grancetta! Beh, come poteo resiste? Allora so’ gida da Tommy, j’ho ditto “te lasso” e me so’ messa co’ Fuffi! Tanto quando l’amore chiama, bisogna risp…Come chi è che sgaggia? È sempre babbo, chissà chi è! Ma niè, dice che vole vede’ l’Inter in santa pace e sci non me la finiscio me butta fori de casa. Babbo, dai…esse bono….que vòi che sia du’ chiacchiere al telefono! È vero, ‘sta settimana è tre ‘olte che me ricarichi il cellulare, a discore n’è fadiga e invece a paga’ sci. Ma tanto io coll’amìga mia ce devo parla’, capisci? Jessy, scusa sa’, ma babbo non capisce. Pare matto. Eh, que dice, che sci non metto giù ‘sto cazziga de telefono, me dà ‘na bella gonfiada d’ossi e ‘sto giro avvanza ancora per te, Tommy, Fuffi e quelli de la Tim…anzi: DE LA TIMMY

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Ti possono interessare

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - per la pubblicità: commerciale@qdmnotizie.it - tatufoli.commerciale@qdmnotizie.it - tel. +39 349 1334145