Connect with us

Cronaca

MONTE ROBERTO / RICCARDO LASCIA UN GRANDE PATRIMOMIO DI UMANITÀ

La chiesa di San Silvestro gremita per l’ultimo saluto a Riccardo Ceccarelli

MONTE ROBERTO, 28 ottobre 2019 – «Sei stato un servo buono e fedele, entra nella gioia del tuo Signore», l’omelia del vescovo Geardo per la messa funebre di Riccardo Ceccarelli – deceduto a 76 anni sabato scorso (leggi l’articolo) – concelebrata, con il parroco don Maurizio Fileni, nell’affollata chiesa di San Silvestro, non ha toccato tutto quello che l’uomo è stato in vita.

Ed è stato tanto: studioso, ricercatore, giornalista, amministratore, ma «lo voglio ricordare soprattutto per la sua grande fede – ha sottolineato il pastore della diocesi jesina – la sua rettitudine, la sua coerenza nelle scelte anche sofferte, il suo avere sempre davanti agli occhi la verità del Vangelo».

Nel suo ultimo articolo per Voce della Vallesina – proprio il numero in distribuzione -, nella rubrica I Contrappunti, «c’è il suo testamento spirituale quando riflette sulla prossima ricorrenza dei defunti».

Con parole le quali arrivano più che alla mente al cuore di ognuno di noi, dove Riccardo ravvisa come, in una giornata corale e troppo rumorosa, nel silenzio della visita si possono «percepire e comprenderne i messaggi» e che «di fronte ai nostri morti innanzitutto quello che dovrebbe affermarsi in noi è il valore della vita, nella sua unicità e nella totalità che “vuole essere vissuta e che troppo spesso viene invece distrutta“. È l’unità della persona, la sua unicità, che al di là dei corpi ridotti in polvere, in attesa – per noi credenti nel Risorto – della risurrezione, che deve essere avvertita e “recuperare uno sguardo unitario sull’intera nostra esistenza”».

IMG-20191028-WA0109 IMG-20191028-WA0105 IMG-20191028-WA0102 IMG-20191028-WA0104 IMG-20191028-WA0085 AB93075C-C04A-4B3E-896C-0983C2C4ACDC 075FA312-B344-435B-9C75-9387ADDCC119 28A944CD-4DD9-4273-B4B5-FC75DAEDC1D4 1FF2A5D1-544A-4552-BF05-1710ECB3B753 B4E3EEDD-868A-40A8-8F8C-FD5D0A5EB326 75711146-BC17-4E00-8E70-6E69951D0318 32E41305-8047-4480-89B7-EFCF61EF0740 8CC38645-1BA7-479C-9AA1-CB0D7C177903 707466D2-3534-4A40-BA97-354333A4ECAB 77E9BFFE-4A00-46F9-BCFD-775ADEDC660D D5717064-01AF-4D87-8D79-4C996C01FF43 1BA71A60-40C1-4CE4-9984-4B48633A2442 A3DDF62E-09FB-442A-B0F6-970BC852FD2E 53149E49-4812-4F1B-AA3C-36B96C87846B 6507D490-2B3A-4200-BC21-0053BED47221 C341E4CE-BEDD-49D2-8AEA-F2A11B084042 B7BE8DFA-A48E-465E-8617-C49DCE31CF39 88F40AFF-BF5F-4CD4-BBD3-FBB5DEC29BD5 IMG-20191028-WA0088
<
>

Il feretro è stato accompagnato dai componenti della Confraternita del Santissimo Sacramento, che aveva contribuito a riattivare e alla quale non faceva mai mancare la sua presenza alle riunioni. In chiesa anche una decina di sacerdoti alla celebrazione del rito religioso, tra i quali don Giovanni Rossi, don Vittorio Magnanelli, don Gianni Piersimoni, don Franco Rossetti, don Corrado Magnani.

Il suo ricordo anche attraverso le testimonianze, commosse e partecipate, di Manlio Baleani, del Consiglio direttivo della Deputazione di storia patria delle Marche della quale aveva fatto parte, di Beatrice Testadiferro, direttrice di Voce, «non si è mai risparmiato per il settimanale di cui era anche fedele abbonato. Grazie per la tua appassionata testimonianza, grazie della tua amicizia».

Del vice sindaco Melania Cannuccia che ne ha ricordato l’appassionato e costante lavoro di ricerca e l’eredità che lascia, del cognato Bruno Garbini, il quale ha sottolineato la sua umiltà da uomo di grande cultura, del presidente della Provincia e Sindaco di Cupramontana, Luigi Cerioni, degli scout di Pianello Vallesina dei quali aveva fatto parte il figlio Edoardo Maria, sempre supportati dalla famiglia.

In serata, dopo la sepoltura al cimitero di Monte Roberto, proprio il figlio ha affidato ai social queste brevi righe: «A nome mio e di mia madre – Raffaela – voglio ringraziare di cuore tutte le persone che ci sono state vicine in questi giorni per la scomparsa di mio padre. Le manifestazioni di affetto ci hanno davvero commosso. Oltre alle numerose cose che sono già state dette, vorremmo che ricordaste mio padre semplicemente come una persona che ha fatto bene il bene. Vi ringraziamo di nuovo».

Conoscevamo da trent’anni Riccardo, da quando giovane redattore di un quotidiano locale si impaginavano le sue corrispondenze da Cupramontana e dalla Vallesina, puntuali, precise, che descrivevano la vita sociale, associativa e culturale del territorio. E poi, ogni tanto, ci si fermava a parlare, per telefono, di quello che avrebbe scritto ancora, portati dalla sua coinvolgente passione e dalla sua competenza. Ciao Riccardo.

Pino Nardella

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Advertisement
loading...
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.