Connect with us

Lettere & Opinioni

MONTE SAN VITO / La maggioranza difende il suo bilancio

La lista “Monte San Vito Cambia”, che sostiene il sindaco Thomas Cillo, sottolinea come si tratti di un documento finanziario ambizioso ma fattibile che dovrà fare i conti con l’emergenza dovuta al Coronavirus

MONTE SAN VITO, 7 aprile 2020 – In data 28 Aprile, il Consiglio Comunale di Monte San Vito si è riunito per la prima volta in seduta di videoconferenza pubblica ed ha approvato il Bilancio di Previsione 2020 e quello per il prossimo triennio 2020-2022. Il bilancio era stato approvato dalla Giunta Municipale già a fine febbraio ma con l’insorgere dell’emergenza Covid-19 si è atteso di capire come la situazione evolvesse e, visto che la stessa si sta procrastinando oltremodo, si è deciso di approvare il bilancio con la consapevolezza che (come avverrà in tutti i Comuni d’Italia), lo stesso potrà subire variazioni. Tale adempimento permette all’Ente di essere operativo, evitare problemi di cassa e iniziare ad avere una definizione sulle entrate, sulle spese e sugli investimenti, consentendo dunque di fronteggiare anche l’emergenza al fine di assumere i provvedimenti utili a sostenere la popolazione.

L’importante notizia per i cittadini è che il bilancio approvato non contiene aumenti impositivi sia per tributi che per le tariffe, semmai prevede una diminuzione degli oneri edilizi destinati alla spesa corrente (oneri che ricordiamo erano già stati dimezzati per il recupero edilizio in centro storico), senza nessun taglio al sociale ed ai servizi erogati (ma anzi implementati) e che vede aumentate notevolmente le risorse destinate alle opere pubbliche, frutto del continuo e puntuale lavoro dell’Amministrazione comunale nel reperimento di contributi e finanziamenti.

Previsti diversi interventi che erano stati promessi in campagna elettorale e che già nel primo bilancio del mandato trovano le prime importanti risposte a partire dall’eliminazione della strada di bordo dalla pianificazione delle opere pubbliche, intervento che da molti anni veniva previsto nella programmazione comunale e che rappresenta la chiara volontà di questa Amministrazione di rivedere quanto prima il Piano Regolatore.

Sono stati previsti interventi sull’edilizia scolastica sia sul nuovo edificio scolastico “De Amicis che è in corso di realizzazione e che dopo la progettazione, e parte del finanziamento della precedente Amministrazione, ha già visto ben 2 varianti progettuali dall’insediamento di questa Amministrazione, dove si prevedono non solo nuove aule (come nel progetto originario) ma anche lo spazio per la nuova segreteria dell’Istituto Comprensivo e dell’archivio comunale, per i quali oggi sosteniamo affitti che verranno quindi risparmiati.

Stanziaterisorse per la realizzazione della nuova biblioteca al Centro Turistico Carlo Urbani con relativo adeguamento antincendi e conseguente adeguamento degli Uffici anagrafe e Servizi Sociali di via Congiu.

Previsto un intervento di adeguamento sismico, statico ed efficientamento energetico per la Scuola Media “D.Alighieri e verifiche sui solai (assegnato un contributo statale). In meno di un anno sono stati assegnati a questo Comune circa 1 milione e 800 mila euro di contributi statali e regionali che serviranno per realizzare efficientamenti energetici, messa a norma dell’edilizia scolastica, riqualificazione di tutti gli edifici pubblici,  impianti sportivi, adeguamento sismico del Teatro Comunale, ripristino e realizzazione del ponte sul fosso Triponzio e del percorso Agricom Triponzio-Esino, nuovi collegamenti nelle frazioni.

Thomas Cillo, sindaco di Monte San Vito

Un piano ambizioso ma fattibile che dovrà comunque fare i conti con l’incertezza dell’emergenza Coronavirus, che in queste ultime settimane ha visto l’Amministrazione comunale monsanvitese in prima linea con la distribuzione dei buoni spesa, di oltre 130 pacchi alimentari, consegna spese e farmaci a domicilio, supporto psicologico e pedagogico e di risorse ai più bisognosi e nella salvaguardia degli anziani ospiti della Residenza Protetta, risultata completamente immune da contagi.

L’Amministrazione ha anche dichiarato di mostrarsi attenta relativamente a tutto ciò che dal Miur sarà predisposto per il possibile rientro a scuola a settembre di bambini e studenti monsanvitesi compresi eventuali riordino e strutturazione degli spazi e del trasporto scolastico per garantire la distanza sociale. È in animo anche supportare le famiglie nella gestione dei bambini al rientro al lavoro dei genitori; difatti si stanno analizzando ipotesi di presa in carico confrontandosi con altre realtà e tenendo conto della sicurezza e delle linee guida del Governo.

È stato altresì confermato, come lo scorso anno, il contributo comunale destinato all’Istituto Comprensivo.

In merito alla situazione sociale nel nostro paese, dove addirittura si è parlato di “fallimento”, intendiamo chiarire che l’Amministrazione Cillo ha trasformato in fatti ciò che aveva promesso in campagna elettorale, lavorando per creare una politica sociale che fino ad allora era solo di facciata e fatta di slogan. Ora Monte San Vito è un punto di riferimento all’interno dell’Ambito Territoriale Sociale 12 e in appena 10 mesi ha dato risposte concrete ad altrettante criticità. Con l’avvento dell’emergenza sanitaria, che fin da subito si è trasformata anche in emergenza sociale, l’Amministrazione ha attivato un piano di sostegno ai cittadini per far fronte alle varie difficoltà vissute. Il bilancio che è stato approvato è profondamente improntato al sociale, pur essendo stato preparato prima della crisi e garantisce e continuerà a garantire tutti i servizi, prevedendo un ampliamento degli aiuti nonostante i tagli subiti dal settore rispetto allo scorso anno ai trasferimenti da parte dello Stato e della Regione.

Grave è il tono degli interventi di una minoranza che ha trattato in maniera superficiale e al limite della denigrazione il grande contributo della beneficenza e del volontariato che hanno supportato in modo magnifico il lavoro degli uffici.

Grave che non ci si renda conto dell’immane lavoro che si sta portando avanti, in una situazione che non ha precedenti e che è in continuo divenire. Tutte le richieste pervenute all’Ente sono state evase nell’immediatezza delle richieste e non sono mai arrivati solleciti per interventi mancati. Contestualmente si è provveduto al sostegno psicologico ed educativo tenendo costantemente informati i cittadini in merito a tutto ciò che stava e sta avvenendo. Senza proclami, con grande disponibilità verso tutte le situazioni, con uno sguardo al futuro per essere pronti alle criticità che questa crisi continuerà a produrre. Parlare di “fallimento” è quindi offensivo oltre che non veritiero ed è grave che le accuse partano da chi ha governato fino allo scorso 27 maggio, relegando il sociale ad un adempimento di mera propaganda.

In questi giorni è altresì in fase di conclusione la distribuzione alle famiglie delle mascherine chirurgiche da parte dei volontari della Protezione Civile, gratuitamente per i cittadini e senza costi sul bilancio, grazie all’impegno economico di alcune realtà produttive della zona e di privati a cui va un sentito ringraziamento ancora una volta.

«Siamo pronti a fare la nostra parte aiutando in tutte le forme i cittadini che ne hanno diritto mettendo in atto tutte le forme di sostegno che potremo adottaresottolinea il Sindaco Cillo,abbiamo deciso di approvare il bilancio, perchè sono convinto che bisogna puntare decisamente sui Comuni per la ripresa economica, attraverso investimenti pubblici ed agevolazioni e riduzioni. Certo c’è bisogno di una cabina di regia per avere indicazioni chiare e –  riprendendo le parole del sindaco di Bari Decaro, presidente dell Anci,diteci chi fa cosa e con quali risorse. Ritengo doverosa, comunque, la collaborazione responsabile con il Governo e con le Istituzioni, nell’ottica di un totale e sincero spirito di solidarietà». La Giunta già dal 1 aAprile era subito intervenuta bloccando i pagamenti, accertamenti sia per i tributi comunali che per i servizi scolastici, e si provvederà ad effettuare i rimborsi per i servizi non fruiti.

«Confermiamo ogni sforzo per lo sviluppo di Monte San Vito,aggiungono compatti gli assessori e i consiglieri di maggioranza,ma, per organizzarci,  chiediamo che vengano attuate alcune misure che riteniamo indispensabili per avviare la ripartenza e non lasciare indietro nessuno. Con la nostra abituale concretezza ci aspettiamo che vengano date precise indicazioni sulle aperture degli esercizi commerciali, sul trasporto scolastico, sull’uso delle mascherine, sui servizi per disabili e anziani, su dove i genitori che tornano al lavoro potranno lasciare i propri figli, che vengano rifinanziati i buoni spesa già erogati dal Comune e assegnare ai Sindaci un plafond per il sostegno al reddito».

Ci è stato chiesto di redigere un bilancio che contenesse dati certi e provvedimenti relativi alla gestione post emergenza quando il Governo, ad oggi, non ha ancora emanato indirizzi su scuola, attività produttive ed esercizi commerciali, bar e ristorazione, sport e utilizzo di aree pubbliche,verdi e parchi. Chiedere provvedimenti e non dare soluzioni concrete, significa fare semplice populismo al quale preferiamo invece i fatti concreti in base a elementi concreti, condotta sinora adottata sia per la gestione dell’intera emergenza e più in generale, per quella dell’Ente dove sono state fatte puntuali razionalizzazioni di spesa su capitoli improduttivi nonché significativi tagli ai costi della politica. Tagliato, ad esempio, interamente il capitolo della comunicazione che fino a un anno fa ci costava 7.000 euro mentre adesso viene gestita in house a costo zero e con addirittura un’implementazione (attivato numero whatsapp, numero di emergenza, pagina instagram e quella facebook costantemente aggiornata e divenuta riferimento anche per i Comuni limitrofi), comunicazione puntuale e costante peraltro da qualcuno bistrattata ma che riteniamo fondamentale specie in questi momenti.

Ancora una volta l’Amministrazione comunale di Monte San Vito dimostra di essere concretamente vicina ai suoi cittadini, specie in questo momento e continuerà a farlo soprattutto per il post emergenza, al fine di rendere meno pesante il disagio economico e sociale in questo difficile momento storico e non solo.

Infine, i consiglieri di (una) minoranza dovrebbero sapere che i Comuni, solo dopo l’approvazione del Dup e del bilancio, possono apportare variazioni, cosa che in questo caso l’Amministrazione Cillo sta già predisponendo per aiutare quelle famiglie e soggetti che si trovano in chiara difficoltà, chiaro intento che verrà fatto senza bisogno di sollecitazioni, anche attraverso l’istituzione di un apposito fondo di solidarietà dedicato, strumento che ad oggi non era possibile fare poiché non previsto dai regolamenti.

Lista Monte San Vito Cambia

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.