Connect with us

Cronaca

SAN MARCELLO / INVESTITO DAL TEMPORALE ALBERO SI ABBATTE SU VIA SERRA

Albero abbattuto

SAN MARCELLO, 11 luglio 2018 – Il forte temporale che ha investito nel pomeriggio di oggi anche San Marcello ha provocato la caduta di un albero sulla sede stradale di via Serra.

albero abbattuto

L’intervento dei Vigili del Fuoco a San Marcello

I Vigili del Fuoco sono intervenuti intorno alle 18.30 circa per tagliarlo definitivamente. La strada è rimasta parzialmente chiusa per circa un’ora durante le operazioni che  sono consistite anche nella rimozione della pianta. Nessuna persona coinvolta.

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Bassa Vallesina

CHIARAVALLE / CON LA SCUSA DELL’INCIDENTE ALLA FIGLIA ANZIANO TRUFFATO DI 590 EURO

Via Tasso

Il malvivente una volta entrato in casa ha anche frugato nei cassetti della camera da letto alla ricerca di monili d’oro

CHIARAVALLE, 21 luglio 2018 –  La città della paura. Chiaravalle un tempo era serena e vivibile, ora la gente trema. Non è stato ancora individuato l’assassino della povera Emma Grilli che in città si diffonde l’allarme per le truffe e i furti.

Giovedì scorso, intorno a mezzogiorno, un malvivente ha rubato 590 euro dall’abitazione di un anziano in via Tasso (foto in primo piano) approfittando della buona fede dell’uomo che era solo a casa.

Q.S., 88 anni, stava pranzando mentre la figlia aveva accompagnato la mamma ad una terapia medica a Civitanova. Il telefono squilla, l’anziano risponde e si sente dire che la figlia ha avuto un incidente con un motociclista e che per scongiurare il sequestro dell’auto avrebbe dovuto sborsare una somma di denaro.

Via Tasso

Via Tasso, l’entrata della palazzina

«Mio padre è anziano – racconta la figlia Lorena – non sta più tanto bene ed è buono per natura. Ci sono strane coincidenze perché solitamente mio figlio Alessandro pranza con i miei genitori ma giovedì ha preferito non gravare sul nonno che era solo. Mio padre, dopo aver ricevuto la telefonata, era preoccupato per noi visto che gli avevano detto dell’incidente e ha aperto la porta ad un uomo sulla cinquantina che aveva un borsello. Sia lui che l’altro al telefono parlavano correttamente in italiano».

Via Tasso

Una volta entrato il truffatore ha cercato di rubare anche monili d’oro

L’anziano sollecitato dal truffatore è andato verso la scarpiera dove in una scatola custodiva 590 euro per le spese mensili. Ha consegnato il denaro al farabutto che ha poi chiesto se in casa ci fosse anche dell’oro. Q.S. ha risposto negativamente ma il malfattore è entrato nella camera da letto e ha rovistato in alcuni cassetti. Quando si è accorto che in effetti l’anziano gli aveva detto la verità si è dileguato facendo perdere le tracce. «Sarà stato in casa un quarto d’ora in tutto e mio padre si è poi reso conto che aveva subito un furto ma era talmente frastornato e impaurito che quando siamo tornate a casa era sul divano ancora ammutolito. In  passato aveva subito il furto di un portafoglio ma questo episodio è veramente grave. Questi malviventi entrano in casa, non si fermano davanti a nulla e si approfittano degli anziani. Anche a Chiaravalle ormai non si può più vivere tranquilli».
Gianluca Fenucci

Continua a leggere

Cronaca

JESI / COMMEMORAZIONE DELLA LIBERAZIONE: ORTI PACE LUOGO DELLA MEMORIA E LUOGO DA CUSTODIRE (FOTO)

Orti Pace commemorazione

JESI, 21 luglio 2018 –  È iniziata con un breve corteo – ieri sera – la cerimonia di commemorazione, agli Orti Pace, per il 74mo anniversario della liberazione di Jesi avvenuta il 20 luglio del 1944.

In testa la corona d’alloro portata dagli agenti della Polizia Locale, poi il gonfalone del Comune accompagnato dal vice sindaco Luca Butini, le autorità civili e militari, vigili del fuoco, i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’Arma, dell’Anpi, con Daniele Fancello, consiglieri comunali, il presidente dell’assise civica, Daniele Massaccesi, il segretraio del Pd, Stefano Bornigia, cittadini anche della comunità straniera molto presente nella zona di via Setificio.

Cerimonia breve ma molto partecipata, come ha sottolineato nell’orazione Butini, più delle altre occasioni.

«Qui la memoria – ha tra l’altro detto – va a un giorno che ha visto finire la guerra. La libertà è un bene prezioso e bisogna saperla coltivare e preservare anche nel rispetto di chi ha dato la vita perché noi oggi potessimo ritrovarci».

Questo slideshow richiede JavaScript.

La deposizione della corona al monumento ha scandito i momenti iniziali, l’omaggio a un’opera – dello scultore Giuseppe Campitelli – che ricorda la Battaglia di Montegranale e i bersaglieri che vi morirono per realizzare la fine del giogo nazifascista.

Ma il vice Sindaco, che ha poi voluto accanto a sé anche il consigliere per gli stranieri, Kazi Fokhrul, ha posto l’accento anche sul «rispetto che si deve a questo monumento a cui noi teniamo molto e sul quale non vanno appoggiate bottigliette di birra».

L’amministratore e il consigliere per gli stranieri si erano incontrati prima della cerimonia con alcune famiglie che frequentano il parco e ne è scaturita una collaborazione per la civile custodia dello stesso, frequentemente insozzato e vandalizzato (leggi qui). L’impegno di Kazi Fokhrul e di tutti anche a vigilare per questo bene della comunità.

Pino Nardella

 

Continua a leggere

Cronaca

JESI / ORTI PACE: PATTO PER IL PARCO CONTRO SPORCIZIA E VANDALISMO

Orti Pace

JESI, 21 luglio 2018 – Si sono incontrati prima che la cerimonia commemorativa per la liberazione di Jesi avesse inizio. Con il vice sindaco, Luca Butini, il consigliere per gli stranieri, bangladese, Kazi Fokhrul – che ha fatto da tramite –  e alcune famiglie che, abitando nei dintorni degli Orti Pace, lo frequentano con i loro bambini.

Ne è scaturito un Patto per il parco, per custodirlo, per renderlo sempre più fruibile a tutti, perché sia una bene della città al quale tutti dobbiamo voler… bene.

Luca Butini e Kazi Fokhrul

Luca Butini e Kazi Fokhrul

Luogo di grande frequentazione – soprattutto «da parte di chi è arrivato da poco» –  il parco subisce spesso le “attenzioni” più becere, divenendo sovente ricettacolo di rifiuti abbandonati, con i giochi che vengono distrutti e il monumento invaso da bottiglie e lattine.

«Partecipare alla custodia di questo luogo – ha affermato Butini – significa anche avvisare subito, noi in Comune o le forze dell’ordine, appena ci si accorge che si stanno perpetrando atti di vandalismo. Le telecamere di videosorveglianza ci sono e non sarà difficile dare un nome a chi si rende responsabile di gesti incivili».Luca Butini e Kazi Fokhrul

Kazi Fokhrul, sempre molto attivo e partecipe delle problematiche che vivono gli stranieri che lui rappresenta in Consiglio comunale, da parte sua si è impegnato a far passare il “messaggio” che gli Orti Pace meritano di rifiorire al meglio delle possibilità.

Con il contributo di tutti.

p.n.

 

 

Continua a leggere

Ti possono interessare

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - per la pubblicità: commerciale@qdmnotizie.it - tatufoli.commerciale@qdmnotizie.it - tel. +39 349 1334145