Connect with us

Alta Vallesina

SASSOFERRATO / ABBANDONANO MATERIALE EDILE E RIFIUTI TOSSICI, DENUNCIATI IMPRENDITORE E DUE OPERAI

Sequestrati due cumuli di rifiuti tra cui solventi e sostanze tossiche e due autocarri utilizzati per l’abbandono

SASSOFERRATO, 6 novembre 2018 –  10 metri cubi di cumulo di rifiuti abbandonati.   I Carabinieri Forestali della Stazione di Sassoferrato, coadiuvati dalle Stazioni di Fabriano Arcevia e Pergola, dopo un mese di indagini sono arrivati alla denuncia dei presunti responsabili  dell’abbandono di rifiuti rilevato lo scorso 20 settembre: un giovane imprenditore di Pergola e due suoi operai.

Il ritrovamento in un bosco vicino alla frazione Rotondo a Sassoferrato dopo le segnalazioni sui social network

Questi con la loro azienda avrebbero occupato di recente un capannone industriale e per ripulirlo avrebbero gettato tutto ciò che conteneva nei boschi e nelle campagne tra Pergola e Sassoferrato con i camion della ditta.

I Forestali sono arrivati ai 3 denunciati dopo aver analizzato i rifiuti, che erano stati abbandonati con un camion provvisto di cassone ribaltabile lungo il sentiero conosciuto come il “doglio bike park”,    un percorso caro a tutti gli appassionati locali e marchigiani tra le frazioni di Rotondo e Doglio a Sassoferrato.

Materiale edile, compresi flaconi di sostanze chimiche tossiche abbandonati

Ai tre è attribuito anche un altro abbandono di rifiuti, del tutto simili a quelli trovati a Rotondo, che copre una superficie di diverse decine di metri quadri nelle splendide campagne in località Sterleto al confine tra Pergola, Arcevia e Sassoferrato, per cui è stato aperto un analogo fascicolo presso la Procura di Pesaro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Denuncia

I Forestali, coordinati e diretti dalla Procura della Repubblica di Ancona, hanno denunciato i tre in concorso per abbandono di rifiuti speciali pericolosi ai sensi del Testo Unico Ambientale e hanno sequestrato i due autocarri della ditta con cui si ritiene abbiano effettuato gli abbandoni per evitare che continuino ad imbrattare le campagne e le montagne dell’appennino umbro marchigiano.

Ora l’imprenditore ed i suoi due operai rischiano una pena fino a due anni di arresto e l’ammenda fino a 26.000 euro, oltre alla confisca dei camion sequestrati e dovranno procedere a bonificare le aree compromesse. I Forestali hanno inoltre posto al vaglio dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente l’eventuale inquinamento provocato dagli agenti chimici presenti tra i rifiuti per valutare l’eventuale inquinamento del suolo e dell’ecosistema che comporterebbe pene ben più gravi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023