Connect with us

Alta Vallesina

SASSOFERRATO / Successo a Budapest per la “Sinfonia Eucaristica” di padre Pierucci

La sinfonia durante i giorni del congresso eucaristico internazionale, conlsuco domenica da Papa Francesco

SASSOFERRATO, 17 settembre 2021 – Si è concluso domenica scorsa in Ungheria  il Congresso Eucaristico Internazionale, con le conclusioni celebrate da Papa Francesco.

Il 10 settembre 2021, all’interno della Main Concert Hall dell’Accademia di Musica Liszt di Budapest è stata eseguita la Sinfonia Eucaristica di Padre Armando Pierucci. La Sinfonia Eucaristica è nata nel 2011 da un suggerimento di Arnaldo Mondadori Mosca, allora presidente del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano.

Padre Pierucci a Budapest

La Sinfonia Eucaristica è stata composta a Gerusalemme, dove i Cristiani sono tanto pochi da essere sparuta minoranza, ma così divisi da formare dodici Chiese.

A Budapest, invece, la Chiesa cattolica comprende il 58% della popolazione, e le altre Confessioni Cristiane sono in piccolo numero. Gli Ungheresi l’avevano già ascoltata nel 2014 nella cattedrale di Santo Stefano re, e l’arcivescovo Peter Erdö ne era stato entusiasta.

Il 10 settembre del 2021, i cori Sant’Ephrem e Sant’ Angela, l’Orchestra dei Budapest Strings, i solisti Zoltàn Megyesi (tenore) e Kinga Sirakné Kemény (soprano), sotto la direzione del maestro Andras Viragh. Hanno eseguito la Sinfonia Eucaristica.

Insieme a questo complesso di oltre 70 elementi, dodici cantori, venuti da Gerusalemme e da altri paesi, hanno intonato come preludio di ogni brano, la melodia così come viene cantata nelle singole Chiese. Ciò è servito a creare nel pubblico una doppia curiosità: quella di sentire il canto delle varie Chiese, e quella di sentire cosa l’autore ne avesse tirato fuori con il complesso sinfonico dei 70 elementi.

Sono state due ore di musica, passate in un momento paradisiaco.
Una commozione che ha coinvolto tutti i presenti, che, nella varietà delle vesti e dei riti liturgici, nella ricchezza dei canti, hanno riconosciuto di fare parte dell’unica chiesa di Cristo, e si sono rallegrati per lo splendore della sua musica.

(Redazione)

©RIPRODUZIONE RISERVATA



Condividi