Connect with us

Attualità

STAFFOLO/ “SUONI DAL PASSATO”: LA RASSEGNA ORGANISTICA CONQUISTA LA VALLESINA

suoni dal passato

A cura dell’associazione Organistica Vallesina, la rassegna proseguirà attraversando undici tappe svalicando i confini della Vallesina.

STAFFOLO, 14 agosto 2019 – “Suoni dal passato“, la rassegna organistica giunta alla 25esima edizione, conquista la Vallesina e non solo.

suoni dal passato

Un momento della 25esima edizione di Suoni dal passato

Numerose le tappe della rassegna musicale che ha lo scopo di valorizzare la cultura organistica. A Staffolo, nella chiesa di San Francesco dove, nei giorni scorsi, la manifestazione ha preso il via. Organizzata dall’associazione Organistica Vallesina, la rassegna traduce la passione per la musica e la volontà di diffondere la cultura musicale e valorizzare il patrimonio strumentale presente sul territorio.

Su queste basi, l’allora sindaco Pierino Ombrosi, ha ridato voce al Callido della Collegiata San Francesco di Staffolo muto per quasi un decennio dal suo restauro. Fu il primo passo verso una lunga serie di eventi musicali che da Staffolo si sono allargati nel territorio fino a toccare la Vallesina e anche alcuni paesi della Provincia di Macerata. Proprio da Staffolo il via di questa edizione che ha toccato anche Cupramontana, Mergo e martedì prossimo sarà a Poggio San Vicino dove, nella Chiesa di Santa Maria Assunta alle 21.15, si esibirà l’organista Alessandro Buffone. Toccherà poi a Cingoli, Castelplanio, Castelferretti, Rosora, San Marcello, Montecarotto (leggi il programma completo). «Un raguardo importante e considerevole che ci ha portato, nel tempo, ad organizzare oltre duecento concerti sparsi nel territorio – spiega il direttore artistico Fabiola Frontalini – L’organo, strumento sempre originale e non di serie, ha sfidato i secoli e le mode rimanendo in piedi, così come la nostra ambizione di creare appuntamenti originali». Soddisfatto il Sindaco di Staffolo Sauro Ragni: «Grazie ai soci fondatori, alle amministrazioni che si sono succedute, che alcuni luoghi di memoria e di pregio storico hanno costituito, con la passione e l’impegno degli organizzatori, un elemento di attrazione per turisti ed appassionati».

(e.d.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Meteo Marche