Connect with us
TESTATA -

Vallesina

VALLESINA: SERVIZI SOCIOSANITARI / LA REGIONE MARCHE CONFERMA GLI AUMENTI A CARICO DI UTENTI E COMUNI NELLE RSA ANZIANI

VALLESINA, 8 febbraio 2015 – Eravamo certi che avrebbe prevalso il buon senso da parte dell’assessorato alla sanità della regione Marche, con il blocco dell’aumento del 30% delle quote a carico di utenti e Comuni nelle RSA anziani (passate da 33 a 42,50 euro giorno, pari a 285 al mese), dopo la segnalazione da parte della Campagna “Trasparenza e diritti” e del Comitato Associazioni Tutela (CAT) della mancata erogazione di prestazioni alberghiere obbligatorie (ad esempio, ma non solo, lavanderia, stireria). Tanto più che, come è evidente, prestazioni di questo tipo non possono essere… retroattive.

E, invece con nota del 28 gennaio inviata all’ASUR da parte del direttore del servizio salute della regione Marche, si conferma l’aumento a partire dal primo gennaio 2015 con richiesta alle strutture di adeguarsi. Un aumento che non ricadrà solo sugli utenti ma anche sui comuni nei casi in cui i redditi delle persone ricoverate si dimostrassero insufficienti. È peraltro importantissimo ricordare come questa rigidità si scontri invece con la possibilità di una flessibilità nella quota a carico degli utenti è stata lasciata nelle residenze protette anziani. Solo che, in questo caso, non per diminuire ma per aumentare. E, invece con nota del 28 gennaio inviata all’ASUR da parte del direttore del servizio salute della regione Marche, si conferma l’aumento dal primo gennaio insieme alla richiesta alle strutture di adeguarsi agli standard previsti (verificheremo anche se si interverrà su quelle private che chiedono anche quote maggiori). Un aumento, è bene che i Comuni lo tengano a mente, che non ricadrà solo sugli utenti, ma anche sui comuni nei casi in cui i redditi delle persone ricoverate si dimostrassero insufficienti.
Altri primi effetti emergono dai territori. Enti territoriali che chiedono piani di trasformazione delle Comunità disabili da 10 (Coser) in RSA (da 20); ipotesi di rimodulare le capacità recettive dei centri diurni disabili funzionali al recupero di maggiori oneri sanitari (oltre 10 utenti il finanziamento sanitario diminuisce), ma soprattutto di abbassare, secondo i contenuti delle delibere regionali, gli attuali standard di personale che potrebbero ridursi del 20/30%. Una riduzione, intollerabile che minerebbe la qualità e dignità di molti dei 70 Centri diurni attivi nel territorio regionale.
Nei prossimi giorni verranno approvati, dalla Regione, altri due atti di grande importanza. Quello con cui si stabilisce (fabbisogno) il numero dei servizi diurni e residenziali che saranno finanziati. Si valuteranno le scelte regionali complessive, di settore e per tipologia di servizio. Il secondo atto è quello (fondo solidarietà) con cui si dovranno sostenere utenti e comuni chiamati a pagare rette più alte. Vedremo se la Regione (che cerca l’accordo con i Comuni, i quali, dopo aver dato il loro consenso agli aumenti degli oneri sociali, purtroppo sembrano unicamente interessati a caricare sugli utenti) cambierà la propria impostazione che prevedeva oneri a carico degli utenti quand’anche i loro redditi fossero pari o vicino alle zero (valore Isee). Su tutte queste questioni sarebbe auspicabile una parola limpida sia da parte di consiglieri ed assessori in carica (finora muti nonostante il loro frenetico attivismo nei social network) sia da parte di chi si candida a governare nei prossimi mesi la nostra Regione.
(Campagna “Trasparenza e Diritti”, Comitato Associazioni Tutela)

Condividi
  
    

news

Attualità2 minuti fa

Cingoli / Bernabucci dona collezione di medaglie settecentesche al Comune

Domani alle 11 presso il Palazzo comunale la cerimonia ufficiale, il sindaco Michele Vittori: «Siamo onorati, arricchisce il patrimonio già...

Eventi & Cultura9 minuti fa

Morro d’Alba / Torna il Festival “Lacrima in giallo”

Dall’ 1 al 5 giugno evento culturale dedicato alla narrativa noir e ai libri gialli, accompagnati immancabilmente dal rosso della...

Jesi45 minuti fa

Pallanuoto / Jesina a Ravenna per difendere il +4 in classifica

Domani sabato 28 maggio ore 18. All’andata la squadra romagnola diede filo da torcere ai leoncelli. Assente Chiorrini JESI, 27...

Calcio2 ore fa

CALCIO GIOVANILE / A Senigallia Inter, Juventus, Roma ed Empoli per lo scudetto under 14

Partite sabato 28 e domenica 29 maggio: in campo le promesse del futuro SENIGALLIA, 27 Maggio 2022 – Quattro big...

Calcio2 ore fa

Eccellenza / La Biagio Chiaravalle si gioca tutto al ‘Ferranti’

L’undici di Favi deve solo vincere per restare in categoria. Se al termine dei 90′ regolamentari sarà parità si proseguirà...

Alta Vallesina3 ore fa

Sassoferrato / Domani l’incontro per l’anniversario dell’occupazione della miniera di zolfo

Al convegno interverranno il segretario generale della Uil Pierpaolo Bombardieri, Iperide Ippoliti (Segreteria Nazionale UIL), Marco Labbate (Università degli Studi...

Cronaca3 ore fa

Cingoli / Lieve scossa, epicentro a Trentavisi

Magnitudo 1.6, ieri pomeriggio alle 17.18: avvertita dalla popolazione Cingoli, 27 maggio 2022 – Nel pomeriggio di ieri, alle 17.18,...

Calcio4 ore fa

Cupramontana / Settore giovanile, torneo di calcio Under 15 e 17

Terza edizione, dopo lo stop forzato per Covid, in memoria di Valentino Giuliani e Fabio Venanzoni due dirigenti storici del...

Calcio4 ore fa

Fabriano / Settore giovanile, stage a Casteldebole ospiti del Bologna

I ragazzi della categoria Esordienti – Matteo Pellacchia, Bleonard Useini, Giacomo Poeta, Leonardo Latini – si sono allenati al Centro...

Cronaca5 ore fa

Serra S. Quirico / Litiga con la moglie, credono si sia buttato nel dirupo: era a casa

Intanto erano scattate le ricerche del 49enne, in azione Vigili del Fuoco di Jesi e Carabinieri Serra San Quirico, 27...

Meteo Marche