Connect with us

Media Vallesina

VOLLEY FEMMINILE B1 / L’ECOENERGY04 MOIE SFIORA L’IMPRESA IN CASA DELLA CAPOLISTA

Coveme San Lazzaro – Ecoenergy04 Moie: 3 – 2

MOIE, 22 marzo 2018 – L’Ecoenergy04 sfiora il colpaccio sul campo della capolista Coveme: esce sconfitta forse immeritatamente dopo aver subito nei primi due set, dominato il terzo, resistito al recupero avversario nel quarto e perso il tie-break anche e soprattutto per una grossa svista arbitrale. Primo set. Moie parte fortissimo e costringe Casadio a fermare subito il gioco sul punteggio di 1-4 e poi su quello di 4-8. Il successivo servizio di Focaccia mette in difficoltà la ricezione moiarola, che perde efficacia in attacco e permette a Pinali di trovare buone finalizzazioni. Il parziale di 10-1 rimette tutto in discussione: 14-10. Martina Spicocchi ferma l’emorragia dell’Ecoenergy04 con una buona fast ma ormai la Coveme ha ripreso fiducia, ritmo e determinazione (20-11) e non ha più problemi a chiudere il set, nonostante un timido recupero avversario: 25-18 e 1-0.
Secondo set. L’Ecoenergy04 continua a subire anche all’inizio del secondo parziale (4-0) il gioco al centro e gli attacchi di una Pinali che sembra inarrestabile: 8-4. Gli schemi d’attacco della Coveme sono precisi, potenti e bel alternati e mettono in difficoltà sia il muro che la difesa di un Moie che sembra già essersi arreso allo strapotere avversario: 14-6. Roani & c. appaiono in balia delle variazioni d’attacco di Castellani- Tarabini e le emiliane imperversano a proprio piacimento (22-10), rilassandosi solo nel finale: 23-16. Casadio non perde tempo a fermare il gioco e al ritorno in campo è Serena Vece a chiudere da posto quattro con lo stesso punteggio del primo parziale: 25-18 e 2-0.

Terzo set. Due muri di Sofia Cerini e cinque punti consecutivi di una incredibile Giulia Pistocchi per l’allungo iniziale di Moie: 3-7. Il tecnico locale chiede due tempi quasi consecutivi (4-8 e 4-10) ma questa volta la sterzata non riesce e le moiarole, più motivate, approfittano delle incertezze e degli errori avversari per allungare ancora: 6-14. Casadio ricorre alla panchina ma la girandola di cambi incrina le certezze delle bianconere che continuano a subire: 10-21. Pippi Lombardi ha così la possibilità di far esordire in serie B1 la giovane Michela Mattetti, frutto del vivaio “Lorella”, che ben si comporta nel pur scontato finale. Chiude capitan Roani con un fendente da posto quattro: 14-25 e 2-1.

Quarto set. Adesso è partita vera, bella, appassionante, incerta. Coveme comincia ad aver paura di una squadra biancorossa che gioca alla pari e contraccambia ogni tentativo di allungo, anzi si porta addirittura in vantaggio (6-7) con Casadio che non resiste e ferma subito il gioco. Le emiliane devono estrarre dal proprio repertorio le migliori qualità per contenere le scatenate moiarole: 10-10. Le ottime difese di Marzia Mercanti contribuiscono a spingere avanti una Ecoenergy04 che ha finalmente ritrovato il suo bel gioco, in un match che si è veramente riaperto a qualsiasi risultato: 11-16. Casadio ha già terminato i suoi tempi e come da copione ricorre ai cambi, dentro Grillini per Lombardi e Casini per Pinali. È proprio la numero 9 emiliana, al successivo turno di battuta, a togliere letteralmente le castagne dal fuoco per la sua squadra mettendo in difficoltà la ricezione moiarola. Coveme si riaccende e trova il pareggio a quota 17. Il set è estremamente incerto, Coveme tenta di andarsene, Moie resiste e controbatte ogni azione: 20-20 poi 21-21. Le biancorosse, con Giulia Pistocchi e Manuela Roani, tentano la spallata decisiva: 24-22. Casini e Rubini annullano le due palle set delle biancorosse, ma Sofia Cerini dal centro e un grossolano errore emiliano mandano le due squadre al decisivo tie-break: 24-26 e 2-2.

Quinto set. Coveme ha paura di perdere l’imbattibilità interna: 1-4, poi 5-7. Dopo il consueto time-out di Casadio si va al cambio di campo grazie a capitan Roani: 6-8. Pinali riesce a pareggiare (8-8) e da qui in avanti si prosegue punto a punto con Moie sempre avanti e le emiliane ad inseguire. Lunghissimo ed entusiasmante lo scambio che porta Moie sul 10-11, chiuso da Sofia Cerini con un ottimo muro. Focaccia, dall’altra parte del campo, risponde da par suo e la parità è di nuovo ristabilita. Sul 12 pari Vece attacca nettamente fuori e rimane di stucco quando il giudice di gara gli assegna il punto inventando un tocco a muro che solo lui ha visto. Il primo arbitro non vuole neanche confrontarsi con il suo secondo, andando contro tutti coloro che, nel corso della storia della pallavolo, hanno deciso che si arbitrasse almeno in due. Martina Spicocchi è furiosa e scarica nel campo avversario tutta la sua rabbia, pareggiando sia il 13° che il 14° punto. La rincorsa delle biancorosse continua fino al 16-16, quando un errore condanna alla sconfitta la squadra di mister Lombardi, al termine di una gara tiratissima durata la bellezza di 2 ore e 15 minuti di gioco: 18-16 e 3-2.

La squadra emiliana non è prima in classifica per caso, ha vinto perché è forte e non ha mai mollato, resistendo anche a qualche “tentativo” del proprio mister di destabilizzare il suo perfetto strumento di precisione con ripetuti cambi e time-out magari a volte apparentemente affrettati. Forse Manuela Roani e compagne nel set decisivo non hanno creduto sufficientemente nella possibilità di violare la Kennedy e potevano rischiare qualche cosa di più di fronte a delle avversarie ormai impaurite e dalle ginocchia molli, ma meritano comunque un grande applauso per la determinazione, la “tigna” e soprattutto gli sprazzi di bel gioco messi in mostra.

Sabato si torna a giocare in casa. L’appuntamento è come al solito per le 18.00: si gioca contro Empoli.

COVEME VIP: Castellani Tarabini 4, Pinali 17, Lombardi 10, Rubini 15, Vece 14, Focaccia 19, Galetti (lib.), Casini 7, Geminiani , Migliori, Grillini 1, Spada 1. All. Casadio.

ECOENERGY 04 MOIE: Cerini 16, Spicocchi 9, Roani 19, Falotico 11, Cecato 4, Zannini (L1), Mercanti (L2), Pistocchi 14, Mattetti. All. Lombardi

Arbitri: Fontini e Mazzocchetti

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Attualità

CASTELBELLINO / CAPANNO DI LEGNO IN FIAMME A SCORCELLETTI

CASTELBELLINO, 15 luglio 2018Capanno di legno in fiamme in un terreno di proprietà privata situato in via Federico II, a Scorcelletti, nella zona che ricade sotto il comune di Castelbellino.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’intervento, con due automezzi, dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Jesi è avvenuto intorno alle 14 di oggi quando l’incendio – che aveva già provocato una coltre di fumo – si stava già sviluppando esternamente.

All’interno del capanno – adibito anche a deposito di attrezzi agricoli – c’erano tre congelatori, due pieni l’altro vuoto, e probabilmente la causa va ascritta a un corto circuito.

I proprietari assenti in quei momenti, e che abitano di fronte, sono stati subito avvertiti. Il capanno – dopo lo spegnimento, che ha evitato alle fiamme di propagarsi anche alle vicine abitazioni – è stato messo in sicurezza e transennato con nastro bianco e rosso.

 

 

 

Continua a leggere

Cronaca

JESI / TRAGEDIA DI VIA SAN FRANCESCO: CAMBIA LO SCENARIO, NON SAREBBE UXORICIDIO

Tragedia via San Francesco

JESI, 15 luglio 2018 – Il riserbo mantenuto sin dall’inizio dai Carabinieri in relazione ai tragici fatti di ieri, avvenuti in via San Francesco, trova riscontri in quelli che sarebbero i primi risultati scaturiti dalla ricognizione medico legale effettuata da Mauro Pesaresi, ieri sul posto insieme alla collega Alice Natanti,  sul corpo di Rita Mazzarini, la donna 82enne rinvenuta cadavere nella sua abitazione.

Carabinieri

Anche stamattina i Carabinieri in via San Francesco

Rimanevano molti punti da chiarire anche se si erano ipotizzati l’accoltellamento, o colpi contundenti, causati dal coniuge, Alvaro Bimbo, 87 anni, ricoverato in prognosi riservata all’ospedale cittadino dopo che era stato rinvenuto nella vasca del bagno con ferite di arma da taglio al collo e ai polsi che lui stesso si era inferte.

Carabinieri

La sera del dramma in via San Francesco

Non sarebbe, invece, andata così. Sul corpo della donna ci sarebbero contusioni alla testa ma non ferite di un’arma da taglio o portate con la violenza di colpi. Una caduta a seguito di un malore che avrebbe provocato il trauma cranico? Una spinta durante la lite le cui urla erano state sentite dai vicini mettendoli in allarme? Resta il fatto che per il momento – le indagini sono seguite dal procuratore facente funzioni Irene Bilotta – non ci sono ipotesi di reato a carico dell’anziano.

Occorre, dunque, ricostruire il quadro di un dramma – in attesa dell’autopsia – che per il momento sembra escludere lo scenario che in un primo momento andava delineandosi con l’ipotesi di uxoricidio e di tentato suicidio.

I Carabinieri continuano a lavorare nel più stretto riserbo e anche questa mattina i militari si sono recati in via San Francesco.

p.n.

Continua a leggere

Basket

AURORA BASKET / TERMOFORGIA NEL GIRONE EST CON LA NOVITA’ CAGLIARI: RADAR SULL’ALA DA QUINTETTO

JESI, 15 luglio 2018 – Radar sull’ala da quintetto, poi si chiuderà con il giocatore che dovrà completare il reparto lunghi.

Questa la road map tracciata da Società e staff tecnico per chiudere il router 2018/19.

Divertente ma poco utile il giochino dei nomi, perché nel mare magnum del mercato, è ben più importante saper cogliere le occasioni che si presentano, piuttosto che sbandierare obiettivi.

Un indentikit però si può stilare: la ricerca è concentrata su un atleta dalla buona struttura fisica, dal gran talento, capace di trascinare e migliorare i compagni, con esperienza Europea , e poco importa se sarà, come da idea principale, un cestista capace di giocare anche da numero 4, o se sarà un affezionato delle linee esterne. Due anni orsono, il Ds Ligi tiro fuori un autentico coniglio dal cilindro di nome Dwayne Davis, mentre lo scorso anno si andò sul sicuro con Kenny Hasbrouk.

Giocatori diversi tra loro, ma figli della stessa filosofia, valida ancora oggi: la cosa importante è prenderlo forte, poco importa fossilizzarsi sulle specifiche caratteristiche tecniche.

Stesso discorso per il lungo che si alternerà con Rinaldi e Tote’. Un tentativo verrà fatto con Luca Fontecchio che tanto bene ha fatto nella seconda parte di stagione in maglia arancioblu.

Se invece domanda e offerta non si incontreranno, si cercherà nel mercato delle cosiddette minors, dove la pesca fu proficua con il buon Quarisa, ma senza fretta.

La lega nazionale Pallacanestro intanto ha diramato i due gironi della serie A2.

Confermata lo stanziamento a Est per Jesi, con qualche novità. Oltre alle neopromosse Piacenza e Centro, sarà del gruppo anche Cagliari, che prende il posto di Bergamo finita ad Ovest. I Sardi, società satellite di Sassari, saranno allenati da Riky Paolini, storica conoscenza del basket Marchigiano, e avranno tra le proprie fila l’ex Andrea Picarelli.

Prosegue con buon ritmo anche la campagna abbonamenti, e alla serata di ieri, sono state oltre 200 le tessere già sottoscritte.

Dopo il piccolo problema logistico in sede, da Lunedì di potrà acquistare l’abbonamento con le solite modalità: alla mattina in Via Martiri della Libertà e nel pomeriggio al Palas.

 

Marco Pigliapoco

marco.pigliapoco@qdmnotizie.it

Continua a leggere

Ti possono interessare

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - per la pubblicità: commerciale@qdmnotizie.it - tatufoli.commerciale@qdmnotizie.it - tel. +39 349 1334145