Segui QdM Notizie

Sport

Ancona Tre consiglieri regionali Figc contro il presidente Ivo Panichi

L’oggetto del contendere sono i giocatori under da schierare nella prossima stagione in Eccellenza e Promozione, Gustavo Malascorta, Romano Cremonesi e Urbano Cotichella lamentano una mancanza di decisioni collegiali

Ancona – Una presa di posizione forte di tre consiglieri del comitato regionale della Figc rischia di creare una frattura insanabile con il presidente Ivo Panichi.

L’oggetto del contendere sono i giocatori under che dovranno essere schierati nella prossima stagione sportiva nei campionati di Eccellenza e di Promozione, ma più in generale Gustavo Malascorta, Romano Cremonesi e Urbano Cotichella lamentano una mancanza di decisioni collegiali e il fatto che Panichi avrebbe dovuto organizzare una riunione con le Società interessate come richiesto da più parti.

«La problematica – affermano Malascorta, Cremonesi e Cotichella – è stata affrontata dal Comitato alla fine del mese di gennaio, in un incontro in cui è stata espressamente richiesta una riunione con tutte le Società interessate al fine di conoscere le reali esigenze anche in considerazione del fatto che, contrariamente a quanto avveniva nelle stagioni precedenti, la Lega Nazionale Dilettanti non ha imposto l’impiego dei fuori quota ma ha solamente indicato ai Comitati Regionali le linee guida di un 2005 e un 2006, tant’è che i vari Comitati Regionali hanno adottato diverse alternative».

A fronte della richiesta fatta in Comitato Marche della riunione da parte dei consiglieri Malascorta, Bottacchiari, Cremonesi e Cotichella, il presidente Panichi ha inviato un questionario alle società di Eccellenza e Promozione che dovevano compilarlo e rispedirlo entro il 5 febbraio scorso.

Hanno risposto al sondaggio 9 squadre di Eccellenza su 16 e 14 di Promozione su 32 con diverse richieste, ma la stragrande maggioranza ha indicato l’impiego per la stagione prossima di un calciatore nato nel 2004 e di uno nato nel 2005. Nel Consiglio del 5 aprile scorso il presidente Panichi, non tenendo conto delle richieste pervenute, proponeva l’impiego di un 2005 e un 2006 e il Comitato approvava a maggioranza con il voto contrario dei 4 consiglieri.

«Alcune settimane fa Società di Eccellenza e Promozione hanno inviato lettere e pec di protesta tanto da indurre il presidente Panichi a inserire all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio Direttivo del 6 giugno l’argomento “Fuori Quota 2024/2025 Promozione”».

«Dopo un accesa discussione – dicono Malascorta, Cotichella e Cremonesi – il presidente confermava la volontà precedentemente espressa e a maggioranza, con il nostro voto contrario per non aver tenuto conto del sondaggio proposto alle Società, veniva riconfermato l’impiego di un 2005 e di un 2006 in Eccellenza e Promozione, nonostante l’ulteriore richiesta dei consiglieri di un incontro con le Società interessate, considerando anche l’insoddisfazione di molti sodalizi. Si doveva privilegiare il dialogo e una riunione condivisa e, invece, è prevalsa la logica di una decisione imposta dall’alto».

© riproduzione riservata

News