Segui QdM Notizie

Sport

Pallamano La Macagi Cingoli conferma l’allenatore Sergio Palazzi

Il tecnico pugliese inizierà la sua quinta stagione sul Balcone delle Marche: «Vogliamo migliorare il piazzamento del 2023-24, sono contento del lavoro fatto con la squadra»

CingoliSergio Palazzi sarà l’allenatore della Macagi Cingoli anche nella prossima Serie A Gold 2024-2025.

Il tecnico pugliese, infatti, rimane saldamente alla guida della squadra cingolana in massima serie in virtù anche della salvezza del 2023-2024, prima storica permanenza della Società di via Cerquatti nell’élite della pallamano italiana. 

La storia di riscatto di Palazzi a Cingoli: dalla A Beretta 2021-2022 all’A Gold 2024-2025

Palazzi, classe 1991, originario di Noci, in Puglia, inizierà così la quinta stagione con i colori biancorossi: delle 4 precedenti, 3 le ha completate e in una è entrato in corsa. Arrivato nel 2020-2021 in Serie A Beretta, infatti, non è riuscito ad evitare la retrocessione nel massimo campionato solo all’ultima giornata, con la beffarda vittoria contro Eppan (29-28): il palo di Antic gli negò la salvezza allo scadere. 

Nel 2021-2022, in Serie A2, la squadra fece un percorso netto con la vittoria del girone B con una sola partita persa. Alle Final Six, però, la sconfitta contro Lanzara fece sfumare i sogni promozione, per una differenza reti peggiore rispetto ai salernitani e al Malo, l’altra formazione del mini girone. 

Dopo una pausa di 6 mesi, Palazzi è tornato a Cingoli a dicembre 2022, con Strappini e compagni al primo posto nel girone B di Serie A2. Il tecnico nocese ha ottenuto il ritorno in Serie A Gold dopo due anni, con la vittoria nella semifinale play-off di maggio 2023 contro Trieste. Al suo secondo campionato assoluto in massima serie, Sergio e la sua Macagi hanno stupito gli addetti ai lavori per la qualità del gioco, soprattutto a livello offensivo. Per la salvezza, però, ci sono voluti due turni play-out, con la finale vinta in 2 gare contro Trieste. Palazzi, dunque, è finora l’unico allenatore capace di salvare i cingolani dalla retrocessione in un campionato di Serie A a girone unico.

«Abbiamo fatto un bel lavoro, non ho mai avuto dubbi su questa salvezza» 

«Per la prima volta – ha spiegato il tecnico ai microfoni di Tgr Marche – Cingoli ha guadagnato il diritto di giocare per due stagioni consecutive in Serie A Gold, raggiungendo l’obiettivo iniziale della stagione. Sono soddisfatto perché abbiamo fatto un bel lavoro, anche con la formazione degli stranieri: la nostra è una società di passaggio, dove i giocatori crescono per poi passare in Club più blasonati. Visti i precedenti, abbiamo capito che dobbiamo stare sul pezzo per 60 minuti: non ho mai avuto dubbi su questa salvezza, anche se un po’ di tensione c’era, come è normale che sia».

Per questo e per la capacità di far crescere i giovani talenti del vivaio, Palazzi è stato confermato alla guida sia della prima squadra che del settore giovanile come coordinatore tecnico. Un coach che non ha mai nascosto le proprie ambizioni.

«Vogliamo migliorare il piazzamento del 2023-2024 – ha spiegato Palazzi al termine della sfida decisiva contro i triestini -, sia a livello di gioco che come qualità, oltre ovviamente dalla posizione di classifica. In quattro anni il mio mantra è sempre stato dobbiamo essere sempre migliori di quello che eravamo ieri. Se facciamo anche un 1% al giorno di miglioramento, poi la crescita sarà sempre meglio e aumenterà esponenzialmente». 

© riproduzione riservata

News