Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / DOMANI IL PREMIO NAZIONALE DI NARRATIVA E POESIA “CITTA’ DI FABRIANO”

Edizione numero 12

 

FABRIANO, 21 dicembre 2018 – Domani andrà in scena la dodicesima edizione del Premio Nazionale di Narrativa e Poesia “Città di Fabriano” realizzato dalla Fondazione Carifac e dall’associazione “La Città del Libro”.

Appuntamento previsto per le ore 17, all’interno della biblioteca multimediale “Sassi” della città della carta. In undici anni sono venuti a Fabriano alcuni dei maggiori narratori e poeti italiani contemporanei.

Queste le “nomination” per le sezioni narrativa e poesia

Gareggiano al Premio Nazionale di Narrativa e Poesia “Città di Fabriano” edizione 2018, per la sezione Narrativa: Gianluca Barbera con Magellano (Castelvecchi 2018), Luigi Fontanella con Il dio di New York (Passigli 2017), Gian Mario Villalta con Bestia da latte (Sem 2018). Per la sezione Poesia: Corrado Benigni con Tempo riflesso (Interlinea 2018), Paolo Fabrizio Iacuzzi con Folla delle vene (Corsiero 2018), Stefano Simoncelli con Prove del diluvio (peQuod 2017).

La giuria tecnica

La doppia terna di nomi è stata individuata dalla giuria presieduta da Umberto Piersanti (poeta, docente universitario e presidente del Centro Mondiale di Poesia di Recanati in qualità di presidente), da Alessandro Moscè (scrittore e critico) e da Roberto Carnero (critico letterario e docente universitario all’Università Cattolica di Milano).

La scelta

Ma chi sceglierà i nomi vincitori? Sarà una giuria popolare di 50 fabrianesi che sceglieranno i trionfatori unici delle due sezioni. Una scelta che avverrà domani pomeriggio, a margine della consegna nei mesi scorsi dei libri finalisti. I volumi rimarranno in dotazione ai giurati, scelti anche tra gli studenti dei licei fabrianesi. Il Premio “Città di Fabriano”, in questi anni, ha donato alla città quasi 3.000 libri contribuendo notevolmente alla crescita della lettura specie tra i giovani.

Accanto al premio è stata fondata una scuola di scrittura creativa, partecipata, nella prima sessione inverno-primavera del 2018, da 23 persone. Alessandro Moscè ha assunto il tutoraggio della scuola denominata “L’isola che non c’è”. Il corso, gratuito, si è tenuto presso la Biblioteca Multimediale ogni giovedì del mese dalle 16 alle 18, per 30 ore, e riprenderà a ottobre del 2018.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.