Segui QdM Notizie

Attualità

Cingoli “Giornate Fai di Primavera” sul Balcone delle Marche

Sabato 23 e domenica 24 marzo una ricca proposta di luoghi aperti del patrimonio culturale e paesaggistico

Cingoli – Sabato 23 e domenica 24 marzo Giornate Fai di Primavera, la manifestazione di punta del Fai, accolta sempre con gioia e speranza e diventata ormai irrinunciabile per tantissimi italiani che amano stupirsi di fronte alle bellezze spesso poco conosciute che ci circondano, sarà anche una preziosa occasione per spiegare, attraverso l’attenta scelta dei luoghi e la narrazione che ne verrà fatta, la visione culturale della Fondazione che vede l’ambiente come indissolubile intreccio tra Natura e Storia e la Cultura, come sintesi delle scienze umane e naturali.

«Cingoli accoglie con orgoglio e piacere queste Giornate Fai di Primavera – ha affermato il Sindaco Michele Vittori – un evento di grande rilevanza che si configura quale una prestigiosa occasione culturale e turistica per la città». 

Per queste Giornate – ha spiegato l’assessore alla cultura Martina Coppari – Cingoli offrirà ai visitatori una ricca proposta di luoghi aperti, lungo un ideale percorso che si snoderà da Piazza Vittorio Emanuele II fino a Porta Pia, percorrendo l’arteria principale di Corso Garibaldi. 

1.Piazza Vittorio Emanuele II: dove avrà luogo l’accoglienza e sarà presente il punto informativo FAI con la presenza dei Delegati FAI

2. Palazzo comunale: “Sala degli Stemmi”: dove si potrà ammirare la celebre “Madonna del Rosario” di Lorenzo Lotto (1539), l’opera d’arte più importante del patrimonio artistico comunale 

3. Auditorium (già chiesa) di Santo Spirito: in questo spazio di grande fascino, nel pieno del centro storico, si potrà ammirare la “Pentecoste” di Alessandro Calvi, detto “il Sordino” (1771): nuovamente collocata sullo spazio dell’altare maggiore

 4. Chiesa di San Girolamo: esposizione della preziosa opera d’arte orafa “Rosa d’oro”: dono di papa Pio VIII alla città di Cingoli 

5. Santuario e Monastero di Santa Sperandia: la chiesa, la biblioteca e il chiostro.

Le visite

Lungo il percorso, nei luoghi aperti e di fronte ad alcuni importanti monumenti, saranno presenti quali apprendisti ciceroni, come da consuetudine delle Giornate Fai, gli alunni degli istituti scolastici cittadini: Istituto comprensivo “Mestica”, Alberghiero “Girolamo Varnelli” e Liceo Linguistico/Liceo delle Scienze Umane “Giacomo Leopardi”.

L’iniziativa Fai, curata dalla Delegazione di Macerata, presieduta dal prof. Giuseppe Rivetti, accolta dal Comune di Cingoli, è sostenuta dalla Pro Loco, dalla parrocchia di Santa Maria Assunta, dalle monache benedettine di Sant Sperandia, dal Liceo Leopardi, dall’Alberghiero Varnelli e dall’Istituto comprensivo Mestica, con la collaborazione di Carabinieri in Congedo, Gruppo comunale Protezione Civile, Croce Rossa Comitato di Cingoli.

© riproduzione riservata

News