Connect with us

Cronaca

JESI / “ARCAFELICE” PER I BOVINI DELLE ZONE TERREMOTATE: LA STALLA È PRONTA CON ACQUA, LUCE, PAGLIA, MANGIME E MANDRIANI

JESI, 24 gennaio 2017 – Venerdì scorso, 20 gennaio, il sindaco Massimo Bacci aveva annunciato di aver messo a disposizione degli allevatori delle zone colpite dal terremoto la stalla dell’ex azienda agraria Arcafelice, in quanto “perfettamente agibile e funzionale“.

Le associazione di categoria – Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Copagri – sono state informate e si è messo subito in moto il meccanismo chiamato a sondare la disponibilità degli allevatori che hanno bisogno di questa tipologia di stalla.

Andreoli immobiliare 01-07-20

In quanto, ad esempio, 200 capi da latte sono stati smistati in questi giorni a Forlì perché là c’è l’attrezzatura necessaria per la mungitura.

La stalla di Arcafelice, dotata di luce e acqua, può ospitare 200 capi, e per l’occorrenza ci sono due mandriani a disposizione, 200 quintali di paglia disponibili e i consorzi agrari hanno garantito anche la fornitura gratuita di mangime.

Non solo, sono a disposizione anche un ampio appezzamento all’aperto e un alloggio dotato di servizi – ma da attrezzare – per quanti accudiranno il bestiame. Tutta l’area, inoltre, è controllata dalla vigilanza privata.

Anche il dottor Clemente Belardinelli, dirigente del servizio veterinario dell’Asur, Area Vasta 2,  è stato informato per gli adempimenti necessari.

Non resta che attendere la richiesta, se ci sarà, perché, ormai è tutto pronto.

(p.n.)

 

 

 

 

 

Condividi