Segui QdM Notizie

Cronaca

JESI Coronavirus: l’emergenza spopola le strade (video)

Nell’ora di punta mattutina poco traffico, scenario surreale

JESI, 10 marzo 2020 – “Io resto a casa”. Questo è l’appellativo adottato dal premier Giuseppe Conte per il provvedimento che decreta il passaggio dell’Italia in Zona Protetta. Nei fatti, gli jesini sembrano aver preso alla lettera l’indicazione.
Alle ore 8.15, di questa mattina orario di punta per gli spostamenti tra casa e scuole, uffici, fabbriche, lo scenario è surreale. In via San Giuseppe, uno dei quartieri più popolosi della città, si nota subito la ovvia assenza degli studenti con gli zaini, ma non c’è nemmeno il solito passeggio per il caffè e le prime commissioni mattutine.
Spostandosi verso viale del Lavoro, arteria nevralgica per raggiungere la zona industriale o dirigersi in direzione Ancona, la situazione non cambia.
Pochissime le auto in giro, e dei soliti problemi di circolazione, tra incroci e rotatorie provvisorie, nemmeno l’ombra.

Marco Pigliapoco
©RIPRODUZIONE RISERVATA