Segui QdM Notizie

Attualità

MATURITÀ AL VIA Valentina Vezzali: «Ragazzi mettetecela tutta» (video)

La campionessa e la sua prova, preparata in contemporanea al Mondiale di scherma: domani necessari mascherina e autocertificazione

JESI, 15 giugno 2021 – «Gli esami di Maturità sono bellissimi, sono una parte fondamentale di tutti noi e rimarranno sempre impressi nella nostra mente. In bocca al lupo ragazzi, mettetecela tutta: è la prima grande vera prova prima di entrare nel mondo dei grandi».

Domani 16 giugno iniziano gli esami di Maturità, che nella nostra provincia interessano, tra scuole statali, paritarie ed esterni, 4.278 studenti, e anche la campionessa Valentina Vezzali, ora Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo Sport, ricorda i suoi per la rubrica #MiRicordo.

Il Ministero dell’Istruzione ha lanciato questa rubrica invitando ex studentesse e studenti a pubblicare i loro ricordi di Maturità con gli hashtag #MiRicordo e #Maturità2021.

«Ho preparato gli esami in ritiro pre-Mondiale, studiavo di notte – racconta –, ma sono riuscita a concludere i campionati arrivando tra i primi 8 e il ciclo di studi con una bella stretta di mano dalla Commissione, che mi disse: Complimenti Vezzali, ha vinto anche qui».

Gli esami di Maturità 2021 non prevedono prove scritte collettive ma solo colloqui orali in presenza, di circa un’ora. Ai maturandi toccheranno domande non solo dal programma ministeriale, ma anche sull’alternanza scuola-lavoro, di attualità ed educazione civica e su un elaborato assegnato nelle scorse settimane dai docenti. In commissione, tutta interna, solo un presidente esterno.

Non è obbligatorio aver ricevuto il vaccino per sostenere l’esame in presenza, ma è obbligatorio indossare una mascherina, quella chirurgica considerata la più adatta – sconsigliato l’uso prolungato delle Ffp2 – , che può essere tolta durante il colloquio ma mantenendo almeno due metri di distanza fra i candidati e i membri della commissione, e l’autodichiarazione sullo stato di salute e il contatto con positivi al Covid.

Gli esami in videoconferenza sono previsti solo in casi di fragilità, quarantena o impossibilità da parte delle scuole di garantire il rispetto delle misure di sicurezza. Ogni studente può portare un solo accompagnatore, con autocertificazione, ad assistere all’orale.

Elisa Ortolani

©RIPRODUZIONE RISERVATA

News