Connect with us

Basket

AURORA BASKET / TERMOFORGIA: IN ARRIVO IL PLAY KEVIN DILLARD

Scelto il play per la stagione 2018/19

JESI, 10 luglio 2018 – Bisognerà attendere ancora qualche ora per l’ufficialità, ma la Termoforgia Jesi ha scelto il nuovo playmaker per la stagione 2018/19.

A guidare le operazione di regia nel quintetto arancio blu sarà Kevin Dillard, classe 1989, 183 cm per 83 kg, e autentico giramondo. La sua carriere Europea inizia nel 2013 a casale, dove chiude la stagione con una media di 15,7 punti, conditi da oltre 3 rimbalzi e quasi 4 assist a partita.

Poi per lui, esperienze in Lettonia, Francia, Grecia, Turchia, Israele e Australia, con l’ultima annata divisa tra il Paok Salonicco e gli Ungheresi del Kormend. Nel complesso sono ben 11 le maglie cambiate negli ultimi 5 anni, con in mezzo anche una squalifica di due mesi per doping. Non ha portato i frutti sperati il corteggiamento nei confronti di Marques Green, che ha scelto il biennale offertogli da Piacenza, ma da Via Martiri della Libertà non si sono fatti trovare impreparati, mettendo subito in atto il piano B.

Marco Pigliapoco

(marco.pigliapoco@qdmnotizie.it)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Basket

AURORA BASKET / TERMOFORGIA NEL GIRONE EST CON LA NOVITA’ CAGLIARI: RADAR SULL’ALA DA QUINTETTO

JESI, 15 luglio 2018 – Radar sull’ala da quintetto, poi si chiuderà con il giocatore che dovrà completare il reparto lunghi.

Questa la road map tracciata da Società e staff tecnico per chiudere il router 2018/19.

Divertente ma poco utile il giochino dei nomi, perché nel mare magnum del mercato, è ben più importante saper cogliere le occasioni che si presentano, piuttosto che sbandierare obiettivi.

Un indentikit però si può stilare: la ricerca è concentrata su un atleta dalla buona struttura fisica, dal gran talento, capace di trascinare e migliorare i compagni, con esperienza Europea , e poco importa se sarà, come da idea principale, un cestista capace di giocare anche da numero 4, o se sarà un affezionato delle linee esterne. Due anni orsono, il Ds Ligi tiro fuori un autentico coniglio dal cilindro di nome Dwayne Davis, mentre lo scorso anno si andò sul sicuro con Kenny Hasbrouk.

Giocatori diversi tra loro, ma figli della stessa filosofia, valida ancora oggi: la cosa importante è prenderlo forte, poco importa fossilizzarsi sulle specifiche caratteristiche tecniche.

Stesso discorso per il lungo che si alternerà con Rinaldi e Tote’. Un tentativo verrà fatto con Luca Fontecchio che tanto bene ha fatto nella seconda parte di stagione in maglia arancioblu.

Se invece domanda e offerta non si incontreranno, si cercherà nel mercato delle cosiddette minors, dove la pesca fu proficua con il buon Quarisa, ma senza fretta.

La lega nazionale Pallacanestro intanto ha diramato i due gironi della serie A2.

Confermata lo stanziamento a Est per Jesi, con qualche novità. Oltre alle neopromosse Piacenza e Centro, sarà del gruppo anche Cagliari, che prende il posto di Bergamo finita ad Ovest. I Sardi, società satellite di Sassari, saranno allenati da Riky Paolini, storica conoscenza del basket Marchigiano, e avranno tra le proprie fila l’ex Andrea Picarelli.

Prosegue con buon ritmo anche la campagna abbonamenti, e alla serata di ieri, sono state oltre 200 le tessere già sottoscritte.

Dopo il piccolo problema logistico in sede, da Lunedì di potrà acquistare l’abbonamento con le solite modalità: alla mattina in Via Martiri della Libertà e nel pomeriggio al Palas.

 

Marco Pigliapoco

marco.pigliapoco@qdmnotizie.it

Continua a leggere

Basket

AURORA BASKET / TERMOFORGIA, CAGNAZZO: ABBONATEVI, E STATECI VICINO IL PIÙ POSSIBILE !

JESI, 5 luglio 2018 – Facciamo il punto sul mercato dell’Aurora Basket con il Coach Damiano Cagnazzo.

Coach, partiamo dalle ultime firme. Ci descrive il giocatore Lorenzo Baldasso ?

Lorenzo è un giocatore che conosco da quando aveva 16 anni e faceva le giovanili con la PMS Torino. Il suo marchio di fabbrica è stato quello di far canestro con grande facilità. Mi è sempre sembrato un ragazzo con tanta voglia e determinazione, e questo è confermato da chi lo ha allenato. Può aggiungere ancora molto altro al suo gioco, migliorando con la palla in mano e anche difensivamente.

Detto che i paragoni non sono mai molto utili, possiamo dire che Marini era più realizzatore, mentre Baldasso arriva come “specialista” del tiro dalla lunga ?

Bisogna sempre vedere il contesto in cui si gioca e cosa si viene chiesto. Chiaro che a Trieste, nel minutaggio che aveva a disposizione, probabilmente il suo ruolo era molto specifico. Con noi avrà molti più minuti e possessi da gestore. Credo sia stati uno dei motivi per cui ha scelto do venire con noi, a dimostrare che non è solo un tiratore da 3 punti.

Di Bruno Mascolo cosa ci può dire ?

L’avevamo visto con Piero Coen e Massimo Costagliola ben 5 anni fa, prima che andasse a Torino. Al Torneo delle Regioni lui giocava per la Campania e d io allenavo le Marche. Ha corpo e talento per fare molto bene. Giovane ma già con tanta esperienza.

Oltre che da Play, potrà giocare anche nel ruolo di guardia ?

Sì. È stata una scelta anche tattica, per avere a disposizione più armi possibili, abbinate ai giocatori che già abbiamo. Perché poi gli atleti vanno messi insieme, provando a mixare il tutto.

Nel nucleo degli Italiani manca soltanto il terzo lungo. Cercate un Pivot puro o un giocatore più dinamico, magari come Fontecchio che tra le cose è ancora senza contratto ?

Fontecchio non ha ancora firmato con nessuno, ma dopo la seconda parte di stagione molto buona fatta con noi, non credo gli manchino le offerte. Se le sue richieste divenissero compatibili con il nostro budget, un ragionamento su di lui lo farei. Più in generale dovrà essere un giocatore che sappia abbinarsi bene sia con Rinaldi che con Tote’, senza fossilizzarsi troppo sui numeri, intesi 4 o 5.

A lei Coach piace giocare a ritmi alti. La sensazione è che con Baldasso e soprattutto con un lungo veloce come Tote’ si possa spingere ancor più sull’acceleratore ?

L’idea è sempre quella. Tote’ è un 210 cm che corre come il campo come una guardia, e questo di certo ci aiuterà. Insisto sempre sui ritmi e sul numero dei possessi perché questo ci consente di fare dei breack durante le partite, di tenere alto l’entusiasmo del pubblico, di continuare a giocare anche se andiamo sotto di 15 punti.

Quanto sarebbe felice nel riabbracciare Green ?

Sarei molto contento, per le sue qualità morali oltre che tecniche, e per il suo saper essere leader. Avere la possibilità di proseguire e lavorare una stagione intera con lui per me sarebbe un onore. Consapevole però che stiamo parlando di un’operazione molto difficile.

L’altro giocatore straniero andrà nel ruolo di ala piccola, e soprattutto dovrà avere un grande talento offendo. Giusto ?

Si, ma anche qui senza essere troppo rigidi. Come ho detto altre volte, i giocatori stranieri nel nostro campionato sono importantissimi per elevare la qualità del gioco dei compagni, al di là delle cifre. Ovvio che cerchiamo in evento dalla struttura fisica e dal talento importante.

Il mercato ci sta dicendo che i giocatori passati sotto la sua gestione, e più in generale all’Aurora negli ultimi anni, stanno avendo grandi soddisfazioni contrattuali. Basta pensare a Marini, Benevelli, Maganza, Santiangeli ecc. C’è soddisfazione in Cagnazzo?

Il merito principale è dei giocatori, il resto va condiviso con tutto lo staff; Giorgio Cortigiani  Maurizio Rossetti, Simone Bettini, i medici e la Società nel suo insieme. Se un ragazzo qui a Jedi riesce a dare il meglio e fare un passo in avanti non è merito mio ma di tutti. Poi è chiaro che per me è motivo di soddisfazione.

Vuol fare un appello ai tifosi per sottoscrivere l’abbonamento, ricordando che fino al 27 Luglio si usufruisce dello sconto del 10% ?

Il sostegno dei tifosi nei nostri confronti è fondamentale e decisivo, quindi chiedo a loro di abbonarsi e di starci vicino il più possibile.

 

Marco Pigliapoco

Marco.pigliapoco@qdmnotizie.it

Continua a leggere

Basket

AURORA BASKET / LA TERMOFORGIA FIRMA IL PLAY BRUNO MASCOLO

JESI, 2 luglio 2018 – L’Aurora Basket comunica di aver sottoscritto un accordo annuale con il giocatore Bruno Mascolo, playmaker classe 1996 nella scorsa stagione in forza al Cuore Napoli Basket.

Il giocatore, nativo di Castellammare di Stabia e di proprietà della PMS Torino, viene da una stagione in crescendo in cui ha giocato 29.4 min a gara (cresciuti a 34 nei playout) fatturando 12 punti medi a partita.

Bruno Mascolo ha iniziato la sua carriera alla PMS Torino prima di vivere costruttive esperienze ad Agrigento, Latina, Siena e Napoli. Mascolo ha vestito l’azzurro con la nazionale Under 18 (2013/14) e con l’Under 20 nel 2015 e sarà il play di rincorsa nel roster arancioblu a disposizione di coach Cagnazzo.

“Sono felicissimo di aver sposato questo progetto – dice un soddisfatto Mascolo – che mi dà responsabilità importanti in una squadra come Jesi. Conosco già qualche compagno di squadra, sono carichissimo e non vedo l’ora di iniziare”.

“Bruno ha qualità fisiche e tecniche di primo livello – il commento di Damiano Cagnazzo – che può utilizzare nei due ruoli di play e guardia, è un ragazzo giovane ma con alle spalle diverse esperienze senior, il giocatore giusto per noi che arriva a Jesi dopo diversi anni in cui lo abbiamo seguito. Per questo sono molto soddisfatto del suo arrivo”.

Bruno Mascolo vestirà la casacca numero 8.

Continua a leggere

Ti possono interessare

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - per la pubblicità: commerciale@qdmnotizie.it - tatufoli.commerciale@qdmnotizie.it - tel. +39 349 1334145