Segui QdM Notizie

Eventi

JESI “Aucassin et Nicolette”: staff, scene e costumi in partenza per la Francia

L’allestimento, realizzato nei laboratori della Fondazione Pergolesi Spontini, debutterà all’Opera de Reims e all’Opéra-Théâtre de Metz Métropole

JESI, 17 febbraio 2022Partenza da Jesi e arrivo in Reims e Metz per le scene e i costumi dell’opera Aucassin et Nicolette di Mario Castelnuovo Tedesco, che debutterà nei due teatri francesi nell’ambito dell’accordo di coproduzione tra Fondazione Pergolesi Spontini, Opéra-Théâtre de l’Eurométropole de Metz e Opéra de Reims.

In partenza anche lo staff artistico che collaborerà alla messa in scena del regista Paul Emile Fourny, i marchigiani Benito Leonori, scenografo e direttore tecnico della Fondazione Pergolesi Spontini, Ludovico Gobbi light designer, e Mario Spinaci per i video.

L’allestimento, realizzato nei laboratori della Fondazione Pergolesi Spontini a Jesi, debutterà all’Opera de Reims il 24 e 25 febbraio, e all’Opéra-Théâtre de Metz Métropole l’11 e il 12 marzo.

L’opera

Aucassin et Nicolette è una «cantafavola del XII secolo per una voce, qualche strumento e qualche marionetta» la cui versione italiana è andata in scena, in prima mondiale, al Festival Pergolesi Spontini 2019. In origine Aucassin et Nicolette è un’opera letteraria della fine del XII secolo, prima e unica cantafavola della letteratura medievale che unisce prosa e versi, musica e racconto.

La favola è semplice: Aucassin, figlio del conte de Beaucaire, è follemente innamorato di Nicolette, una giovane prigioniera di origine saracena. In un mondo feudale insensibile al miracolo dell’amore, questo idillio dà vita a tante avventure con fughe, naufragi, rapimenti.

Ispirato da questo capolavoro atipico, il compositore italiano Mario Castelnuovo Tedesco (1895-1968) scrisse, nel 1938, un’opera per voce, alcuni burattini e un ensemble strumentale, ma costretto a fuggire dall’Italia antisemita di Mussolini, andò in esilio negli Stati Uniti prima della creazione dell’opera.

Fu solo nel 1952 che Aucassin et Nicolette fu rappresentato per la prima volta, in francese, a Firenze. Quasi 50 anni dopo, in occasione del Festival Pergolesi Spontini, l’opera di Castelnuovo-Tedesco è stata presentata in anteprima in italiano, in una magica messa in scena di Paul-Emile Fourny. Le decorazioni oniriche, i video, i pupazzi, infondono una poesia ineguagliabile in queste pagine improntate al lirismo e alle qualità melodiche della scuola italiana.

News