Segui QdM Notizie

Cronaca

JESI, L’ULTIMO SALUTO “CIAO GIOACCHINO”, TUTTA LA CITTÀ SI È STRETTA ALLA SUA FAMIGLIA

belluzzigiaccoJESI, 13 maggio 2015 – In tanti, oggi pomeriggio, hanno voluto tributare l’estremo saluto a Gioacchino Belluzzi, deceduto ieri mattina nella sua abitazione; la chiesa di san Giovanni Battista si è dimostrata incapace di ospitare la massa di amici, parenti, colleghi e conoscenti accorsi. Oltre alla chiesa vera e propria era gremita anche l’ampia stanza che si apre su di un lato; nonostante ciò in molti sono rimasti fuori, sulla strada. È stata una cerimonia quanto mai toccante durante la quale il celebrante, Mons. Attilio Pastori, con voce rotta dalla commozione, ha ricordato la figura dello scomparso, i rapporti avuti con lui nel corso dei decenni di conduzione parrocchiale; ha paragonato la vita alle candele poste ai lati della bara, candele che, pur essendo di eguale dimensione, potrebbero avere una durata diversa a seconda delle condizioni ambientali in cui si trova. La vita di Gioacchino Belluzzi, al di là dei successi conseguiti sia dal punto di vista professionale, così come sul piano politico/amministrativo, si è interrotta troppo presto. gioacco1Di questo ne erano certi i tanti che, terminata la cerimonia in chiesa, hanno atteso il feretro all’esterno. Il celebrante ha rivolto parole di incoraggiamento alla moglie dello scomparso, Franca Tacconi, ed ai figli, Giulio, Fabrizio e Armanda. Proprio quest’ultima, in un breve intervento alla fine della Messa, ha ricordato l’uomo, il marito ed il padre. Poco dopo le 17 la salma è stata caricata sul carro funebre per il suo ultimo viaggio terreno alla volta del cimitero principale.

(Sedulio Brazzini)

News