Segui QdM Notizie

Marche news

Torrette Sosta selvaggia, i soccorritori: «Non riusciamo a lavorare»

Matteo, autista della Croce Gialla: «Regna il caos, situazione che rende impossibile il nostro lavoro e mette a repentaglio anche la salute dei pazienti»

di Gianluca Fenucci

Ancona, 2 febbraio 2023 – «E’ una situazione insostenibile e pesante che si trascina da anni senza che nessuno prenda provvedimenti e cerchi di risolverla».

Matteo è un autista di un’ambulanza della Croce Gialla e rimarca un problema grave che coinvolge tante persone, molti pazienti e tanti operosi volontari delle associazioni di volontariato.

«Nell’entrata posteriore dell’ospedale di Torrette – dice l’autista – regna il caos: i parcheggi selvaggi rendono impossibile il nostro lavoro e mettono a repentaglio anche la salute dei pazienti. Ci sono auto e veicoli posteggiati in ogni dove che bloccano entrate e uscite dei mezzi di emergenza e ora i lavori all’ospedale rendono ancora più pesanti i disagi. Al pronto soccorso sostano in mezzo al piazzale, creando ulteriore confusione, le ambulanze provenienti da tutta la regione non possono giungere nei posti loro assegnati perché sono occupati da altri veicoli i quali magari appartengono a familiari di pazienti che non hanno alcuna autorizzazione».

pronto soccorso ospedale torrette

L’autista parla di una situazione incancrenita nel tempo che sembrava, però in via di risoluzione.

«Avevamo protestato mesi fa, alzando i tergicristalli delle auto parcheggiate selvaggiamente e usando le sirene delle nostre ambulanze anche se alcuni operatori si erano lamentati, ma almeno qualcosa si era mosso: avevano incaricato una vigilante che, anche sotto la pioggia, non faceva parcheggiare le auto senza autorizzazione e da dicembre a inizio gennaio la situazione era divenuta sostenibile».

pronto soccorso ospedale torrette

«Da un mese, invece – continua -, questa operatrice non c’è più, così come le altre guardie giurate ed è tornato a regnare di nuovo il caos con il traffico spesso bloccato».

E’ un problema anche per il personale infermieristico che deve recarsi a effettuare prestazioni a domicilio e si trova bloccato.

pronto soccorso ospedale torrette

«Addirittura un’ambulanza che doveva trasferire un paziente dalla rianimazione di Torrette a quella di Porto Sant’Elpidio non è riuscita a partire in tempo ed è rimasta bloccata».

©riproduzione riservata

News