Segui QdM Notizie

Marche news

Acqualagna Fiera tartufo bianco, Giorgia Meloni porta 532 milioni alle Marche

Bagno di folla ieri per la premier, fondi destinati al rilancio di infrastrutture e reti di trasporti e all’economia

AcqualagnaGiornata epocale per il tartufo di Acqualagna e per la 58ª Fiera Nazionale del Tartufo Bianco inaugurata ieri con la firma dell’accordo di coesione tra la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni e il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli

.All’arrivo, intorno alle 12.15, e lungo il tragitto prima di entrare al Mercato del Tartufo nonché al Salotto da Gustare, la premier è stata accolta da un bagno di folla in attesa del suo arrivo dalle prime ore della mattina, davanti al Municipio in Piazza Mattei, presidiata per sicurezza da centinaia di forze dell’ordine e dal lungo corteo di Palazzo Chigi. 

«Sono contenta di firmare questo accordo ad Acqualagna, Comune straordinario che conosco, famoso a livello internazionale anche per l’eccellenza del tartufo bianco. Sono particolarmente contenta di farlo qui, Comune che ha dato i natali a Enrico Mattei, lo ricordiamo oggi, dopo che ieri abbiamo celebrato il 61esimo anniversario della sua scomparsa. Acqualagna è una delle tante identità – ha dichiarato la premier Giorgia Meloni – che riescono con la propria storia e con la propria eccellenza a costruire la grandezza di questa nazione. In questo Comune in particolar modo, che mette insieme ancora oggi l’eccellenza del tartufo e l’eccellenza di un grande italiano come Enrico Mattei, artefice del miracolo economico italiano del dopoguerra, capace di vedere opportunità dove gli altri vedevano solo una crisi. Il grande insegnamento che arriva da qui è che se hai la capacità di cercare, alla fine puoi trovare molta ricchezza ma devi avere visione e determinazione. Questo è un Comune che queste cose le sa raccontare molto bene».

Accordo di coesione dunque, che porterà nelle Marche 532,5 milioni di euro da destinare al rilancio di infrastrutture e reti di trasporti ed all’economia,

Premio Mattei

La premier ha visitato tutti i commercianti, senza perdersene uno, nei loro stand di Piazza Mattei, mentre raccoglieva incitamenti dalla folla dietro le transenne. Un benvenuto che ha stampato il sorriso sulla premier per tutta la visita.

Si è soffermata a parlare con la famiglia Tofani dell’azienda Tartufi Tofani che esponeva in tutta la sua bellezza il tartufo da 1 chilo, ritrovato venerdì mattina.

«Non potevamo omaggiare meglio di così – ha detto il sindaco Luca Lisi – la firma di questo straordinario accordo. Siamo davvero molto felici di avere ospitato la premier Meloni, è stata un’occasione unica per la nostra cittadina, di cui ringraziamo in modo particolare il presidente Francesco Acquaroli. Oggi il tartufo di Acqualagna è entrato in tutte le case degli italiani e di questo ne siamo molto orgogliosi». 

La premier ha chiesto informazioni sull’andamento della stagione e ascoltava con attenzione gli imprenditori di Acqualagna.

«Questo è il nostro petrolio – ha detto Giancarlo Marini alla premier – è un aiuto economico fondamentale per tutta la filiera».

La visita si è poi spostata al Mercato del Gusto dove trovano posto gli artigiani delle tipicità locali e nazionali, tra cui lo stand del Psr della Regione Marche, e prima di ripartire ha ricevuto il ringraziamento caloroso del sindaco Luca Lisi e dell’Amministrazione comunale.

La visita della premier è stata preceduta dalla consegna della Ruscella d’oroClemente Mimun, direttore del Tg5 poiché «da oltre 45 anni accompagna l’informazione del nostro Paese con grande passione, competenza, integrità e costante ricerca della verità».

Mimun dal palco di Teatro Conti ha voluto ringraziare Elio Pasquini, che da tempo promuove il territorio e il presidente Mirco Carloni, XIII Commissione agricoltura alla Camera dei Deputati.

«Il sindaco Lisi – ha detto Carloni – in questi mesi e in questi anni ha creduto talmente tanto alla Fiera che ha messo in piedi insieme ai suoi collaboratori e assessori un lavoro incredibile. Il tartufo è un prodotto agricolo che ha ancora tantissimi margini di crescita e può offrire agli agricoltori tanta soddisfazione. Oltre alla raccolta, ci sono poi tante possibilità sulla coltivazione non ancora sfruttata a pieno. Ma lo spazio di crescita è molto più ampio, poiché possono svilupparsi delle filiere di turismo rurale ed esperienziale che ancora non sono state messe a valore con possibilità di occupazione e di reddito. Proseguiremo nel garantirvi una visione strategica e una crescita che deve essere accompagnata dalle Istituzioni».

Prima della premiazione si sono susseguite sul palco di Teatro Conti diverse autorità.

Il prefetto di Pesaro  Emanuela Saverio Greco che ha sottolineato come «possiamo definirla una giornata storica per la presenza del presidente del Consiglio dei ministri, Giorgia Meloni e del ministro Raffaelle Fitto. Per me è un grande onore essere qui oggi nella Capitale del Tartufo, eccellenza internazionale. Provo anche una certa emozione a trovarmi nel paese natio del grande Enrico Mattei, da uomo semplice è riuscito grazie al suo pensiero progressista a cambiare il futuro energetico del nostro Paese».

E’ intervenuto anche l’assessore regionale all’Agricoltura, Andrea Maria Antonini.

«La Regione ha avviato due tavoli di lavoro sul tartufo, con i Sindaci delle città più rappresentative dove abbiamo deciso di intraprendere una politica di promozione del tartufo che vada al di fuori dei confini nazionali perché insieme possiamo fare molto di più. Il Tartufo è il traino di tutto il territorio, un testimonial eccezionale. Inoltre, abbiamo attivato un tavolo tecnico con la filiera permanete del tartufo, un’occasione per ribadire l’importanza economica e dare risposte concrete e reali al territorio».

«Oggi questa edizione viene resa ancora più ricca dalla presenza del presidente del Consiglio Meloni e del Ministro Raffaelle Fitto – ha detto il parlamentare Antonio Baldelli, ad Acqualagna anche in veste di delegato del Ministro della sovranità alimentare Lollobrigida – Il tartufo è una tipicità che caratterizza il nostro territorio e rappresenta il principale attrattore turistico». L’on. Baldelli ha poi ricordato l’impegno del Governo sulla tutela del cibo italiano e il ddl sul cibo sintetico promosso dal Masaf.

La cerimonia inaugurale a Teatro è avvenuta alla presenza di numerose autorità, tra queste il commissario straordinario del Governo per la ricostruzione Guido Castelli, i parlamentari Gostoli e Leonardi, il presidente della provincia di Pesaro Urbino, Paolini, i Sindaci del territorio, tra cui quello di Pesaro, Ricci, il presidente dell’Unione Montana, Alessandri, gli assessori regionali Saltamartini, Aguzzi, Biondi e Baldelli, il presidente del Consiglio regionale Dino Latini, i consigliere Ciccioli, Rossi, Baiocchi e Vitri, il rettore dell’Università di Urbino, Calcagnini, il presidente di Camera di commercio Marche, Gino Sabatini.

La fiera prosegue oggi domenica 29 ottobre con un programma ricco di eventi.

© riproduzione riservata

News