Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / QUADRILATERO, IERI IL TAVOLO TECNICO DELLE DITTE CREDITRICI ASTALDI

L’incontro ieri al MIT, a piazzale di Porta Pia

 

FABRIANO, 13 aprile 2019 – Da Roma il primo incontro ufficiale per cercare di trovare la quadra alla complessa vicenda delle ditte creditrici Astaldi. Inconto andato in scena fino al tardo pomeriggio di ieri, alla presenza dei rappresentanti del Mit (ministero infrastrutture e trasporti), Presidenza del Consiglio dei Ministri e il MISE.

L’incontro di ieri all’interno della sede del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti a piazzale di Porta Pia. Attorno allo stesso tavolo governo, Anas, Quadrilatero e subappaltatori in crisi per trovare una sintesi che possa dar una soluzione ai 40 milioni di euro che ancora Astaldi deve alle ditte che hanno lavorato al progetto Quadrilatero.

Soddisfazione Pentastellata espressa dalla Parlamentare fabrianese Patrizia Terzoni, che in una nota ha sottolineato che “È stato un momento importante di confronto in cui si è deciso di costituire un tavolo tecnico per analizzare tutte le proposte finora pervenute per far fronte ai problemi dei subappaltatori. Si proverà così a risolvere almeno alcune delle principali criticità, in un sentiero molto stretto. In ogni caso dimostriamo l’attenzione della maggioranza e del Governo verso questo problema che è maturato nei rapporti tra aziende e che per questo è di difficile risoluzione”.

Prossimi passi, il vaglio delle proposte contenute negli interventi di ieri pomeriggio. Parla di clima costruttivo la Terzoni, e conclude: “Dopo la ripartenza dei cantieri ci dedicheremo da un lato a verificare i tempi per la consegna dell’opera e dall’altro a supportare per quanto possibile le richieste di chi ha subito mesi fa le conseguenze della crisi Astaldi” .

(s.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.