Segui QdM Notizie

Tendenze

Falconara Screening organizzato dal Gas, grande partecipazione

Tarcisio Pacetti: «La nostra iniziativa si sta rivelando un successo, giovedì ne abbiamo effettuati ben 189, ieri oltre 190 e oggi si preannuncia il sold out viste le prenotazioni»

Falconara«Prevenire è vivere». Con il consueto entusiasmo e la capacità di motivare e trascinare gli altri, che tutti gli riconoscono, Tarcisio Pacetti gongola nell’illustrare la campagna “Prevenzione Badiali 2024” di screening gratuito dermatologico e senologico promossa dall’Associazione Gruppo Amici per lo Sport di Falconara.

L’iniziativa, in corso di svolgimento da giovedì 9 sino a oggi, sabato 11 maggio, presso la Pinacoteca Francescana Picena in Piazza Sant’Antonio, 5 a Falconara, è solo l’ultima in ordine di tempo, di numerose attività analoghe che l’associazione Gas ha organizzato a partire dal 2011. E Tarcisio Pacetti snocciola numeri significativi.

«La nostra iniziativa si sta rivelando un successo – dice –, giovedì abbiamo effettuato ben 189 screening, ieri oltre 190 e oggi si preannuncia il sold out viste le prenotazioni, tanto che siamo stati costretti a chiudere con largo anticipo le iscrizioni. Se oggi qualche cittadino vuol venire alla Pinacoteca Francescana può farlo ma non sappiamo se riusciremo a soddisfare tutte le richieste. Abbiamo avuto il piacere di avere con noi il prof. Giuseppe Ricotti, ex primario dell’Inrca, che ha contribuito a reperire medici per il nostro evento».

Il Gruppo Amici per lo Sport Aps organizza ogni anno, sin dal 2011, manifestazioni focalizzate sulla prevenzione sanitaria. L’organizzazione di queste campagne ha consentito, fino ad oggi, di effettuare gratuitamente un totale di 11.016 visite mediche (screening). Il Gas è un’organizzazione di volontari senza scopo di lucro.

«Chi ha il piacere di collaborare alle nostre iniziative – spiega Tarcisio Pacetti – non ha che da iscriversi all’Associazione, che è sempre aperta a nuovi ingressi. L’impegno diretto sul campo è il modo migliore per comprendere le numerose e oggettive difficoltà che si incontrano nell’organizzazione di eventi così articolati e, allo stesso tempo, può evitare di dilungarsi in oziose e ingenerose illazioni sui social media».

Per la carenza di personale medico qualificato non è stato possibile eseguire gli screening nei canonici 5 giorni ma solo in 3, nonostante il fondamentale contributo dei medici della Clinica Dermatologica dell’Azienda ospedaliero universitaria delle Marche, diretta dalla prof.ssa Oriana Simonetti, della Dermatologia dell’Inrca, diretta dal primario dott. Alfredo Giacchetti, della Sod Chirurgia senologica, diretta dal dott. Enrico Lenti, con la collaborazione dei medici Francesco Braccioni, Marco Gentili ed Eugenia Raffaeli della Lega italiana lotta ai tumori, coordinata dal presidente dott. Ugo Braccioni e dalla dott.ssa Maria Rosa Brunori, presidente regionale.

«L’opportunità offerta dallo screening – sottolinea Tarcisio Pacetti – era molto attesa ed è questa la ragione per cui i posti disponibili si sono rapidamente esauriti».

© riproduzione riservata

News