Segui QdM Notizie

Marche news

MARCHE «Necessario sostenere il settore dello spettacolo in modo serio»

Teatro Pergolesi Jesi_Il cavaliere dell'Intelletto_ottobre 1994_3

I sindacati di settore invocano un confronto sulla legge regionale e la realizzazione di un protocollo sulle buone pratiche contrattuali

ANCONA, 1 febbraio 2022 – Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil delle Marche, insieme agli artisti e tecnici marchigiani riuniti in Cam sono preoccupati per la situazione dello spettacolo, sia per il settore del cinema e sia per quello dello spettacolo dal vivo.

​Dopo una fase di confronto positiva partita dall’emergenza pandemica del 2020, e dopo una lunga trattativa sui sostegni regionali, a tutt’oggi non ancora erogati ai singoli artisti/tecnici, si è in attesa – sostengono i sindacati – di vedersi dispiegare gli effetti delle politiche di settore. 

​«Abbiamo potuto verificare con piacere – sottolineano – che sono stati dedicati fondi perduti o bandi anche per settori attigui (ad esempio discoteche, divertimento e intrattenimento) mentre siamo ancora in attesa di bandi dal 2021 e sostegni del 2020». 

​«Peraltro, in questo momento di grave crisi riteniamo che sia necessario riprendere con la Regione Marche il confronto per affrontare anche le seguenti tematiche:

 realizzare un protocollo sulle buone pratiche contrattuali, che porti alla normalizzazione e regolamentazione dei rapporti di lavoro, soprattutto quando le attività vengono finanziate dallo Stato/Regione  

• confronto sulla legge regionale dello spettacolo (sui vari investimenti, sulle istituzioni, commissioni, osservatori, ecc)  

politiche attive per la ripresa delle attività attraverso progetti di investimento e  sviluppo  (“Cura Teatri”)nostre elaborazioni che non hanno ancora visto un confronto di merito

Per tutte queste ragioni, Slc Cgil, Fistel Cisl Uilcom Uil delle Marche ritengono di dover ripartire urgentemente dal tavolo istituzionale, per consolidare i risultati raggiunti e per riavviare il confronto sulla politica regionale culturale»

​«Serve uno sforzo straordinario da subito di tutte le parti per ricreare le condizioni per il rilancio del settore dello spettacolo, in un momento che vede i lavoratori misurarsi con una nuova fase di incertezza e precarietà in relazione al riproporsi del periodo pandemico» .

«​E’ assolutamente necessario sostenere il settore in modo serio e repentino, perché torni a svolgere un ruolo essenziale per lo sviluppo economico e sociale della nostra regione».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

News