Segui QdM Notizie

Attualità

Meteo Prima neve sul San Vicino e a Cingoli

Una spolverata che ci ricorda come la stagione invernale stia per arrivare, le prime nevicate suscitatano sempre interesse ed entusiasmo in grandi e piccoli

Ci siamo risvegliati con un cielo denso di nubi e qualche fiocco, che è caduto anche a Cupramontana.

Nella notte sul San Vicino i fiocchi sono caduti imbiancando tutto il paesaggio intorno.

Una spolverata che ci ricorda come la stagione invernale stia per arrivare, le prime nevicate suscitatano sempre interesse ed entusiasmo.

A Cingoli, il Balcone delle Marche, sono già caduti i primi fiocchi di neve.

Si prospetta così un inverno particolarmente nevoso. Il freddo artico colpirà in modo molto intenso tutta l’Italia nel weekend mentre da lunedì si dovrebbe registrare un generale e graduale rialzo delle temperature al Centro-Sud con l’arrivo di una perturbazione atlantica.


Così la neve ha attecchito anche a Cingoli, a 631m slm.

Nei prossimi mesi il clima potrebbe essere influenzato dall’indice climatico Nao negativo, portando condizioni di generale maltempo. E anche se la sola vista della neve sui monti potrebbe darci l’illusione di un vero inverno, bisogna ricordare che il clima invernale italiano, fino a una decina di anni fa, era ben diverso.

«C’è il potenziale per nevicate imponenti, in inverno, proprio perché è più caldo», sostiene il ricercatore Kevin Edward Trenberth. Questo apparente paradosso sarebbe in realtà un effetto indiretto del riscaldamento globale.

La crescita della temperatura media fa sì che ci sia più umidità nell’aria (l’atmosfera può contenere il 7% in più di acqua per ogni aumento di 1 C° nella temperatura).

Ciò comporta una maggior probabilità del verificarsi di eventi estremi nelle precipitazioni: pioggia o, nelle giuste condizioni (ossia quando le temperature alla superficie non superano i 2 C°), neve.

© riproduzione riservata

News