Segui QdM Notizie

Attualità

MONTE SAN VITO Sicurezza in rete: se ne parla all’Auditorium

Alle ore 17 al “Carlo Urbani” il secondo incontro del percorso formativo gratuito “Genitori 4.0: educatori socialmente consapevoli” promosso dall’Age Marche

MONTE SAN VITO, 20 febbraio 2020 – Continua l’impegno dell’Age (Associazione italiana genitori) sul fronte dell’educazione all’uso corretto delle nuove tecnologie e la sicurezza in rete.

É infatti in programma per  oggi pomeriggio, 20 febbraio, dalle 17 alle 20, all’Auditorium ‘Carlo Urbani’ di Monte San Vito, il secondo incontro del ciclo “Genitori 4.0: educatori socialmente consapevoli”, organizzato dalla sezione regionale dell’associazione, in collaborazione con il locale Istituto comprensivo, il Forum associazioni familiari delle Marche e l’associazione RedRete educazione digitale, con il patrocinio del Comune e il contributo del Csv Marche.

Un percorso formativo gratuito, rivolto a genitori, insegnanti e cittadinanza in generale, per sviluppare maggiore consapevolezza intorno ai pericoli connessi alla rete, in particolare per i minori, ma anche su strumenti di prevenzione e controllo, per vivere in sicurezza le potenzialità offerte dal web.

Dopo l’interesse riscosso dal primo incontro, con il formatore Paolo Nanni e la Polizia Postale di Ancona, al quale hanno preso parte una 70ina di persone tra genitori e alunni dell’Ic, oggi interverranno come relatori la blogger Daniela Zepponi sul tema “Social media, chat e videogame: opportunità… non solo rischi” e l’esperto in sicurezza informatica, Emilio Luchetta, con l’intervento “Navigare sicuri. Parenting control e altri strumenti di protezione”.

Il terzo e ultimo appuntamento, in programma giovedì 27, stessa sede e orari, sarà infine con lo psicoterapeuta Paolo Scapellato sul tema “La comunicazione genitori-figli ai tempi dei social”. Una famiglia porterà una testimonianza sul fenomeno hikikomori, termine giapponese usato per riferirsi a coloro che hanno scelto di ritirarsi dalla vita sociale, spesso cercando livelli estremi di isolamento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA