Segui QdM Notizie
https://www.qdmnotizie.it/wp-content/uploads/2024/06/skin-bannerok-.jpg

Attualità

POLITICA Pd provinciale: Falà segretario, Cerioni segretario “aggiunto”

L’assemblea ratifica la mozione congiunta che i due candidati avevano presentato, Roberto Piccinini presidente pro tempore 

ANCONA, 13 dicembre 2021 -Alla fine, dopo quattro giorni dalle elezioni e di dibattito ufficioso, «per una volta il Pd si trova d’accordo con una forte tensione all’unità»: queste le prime parole di Jacopo Falà, al termine della mattinata di ieri, non nascondendo il sollievo per aver risolto l’apparente stallo che si era generato dal risultato sul filo di lana.

Nelle elezioni del 5 dicembre Jacopo Falà ha avuto la meglio su Luigi Cerioni, con 507 voti a 494, ma i delegati eletti sono risultati pari: 38 a testa. 

Una situazione di quasi parità, che ha obbligato a scegliere la strada di una gestione condivisa tra le due mozioni: sarà quindi Falà a guidare il Pd provinciale per i prossimi anni, coadiuvato da Cerioni, e i due hanno rilasciato un comunicato che non perde tempo, buttandosi sulle questioni prioritarie del territorio.

Alcuni delegati all’assemblea provinciale del Pd

«Dall’assemblea, grazie anche all’apporto di giovani neo delegati e neo delegate – recita la nota -, è giunto il sostegno fortissimo e unanime alla lotta dei lavoratori della Caterpillar di Jesi che si sono visti licenziati senza preavviso per la inspiegabile chiusura dello stabilimento. Il Partito democratico è al loro fianco e condivide la durissima presa di posizione delle rappresentanze sindacali, così come è al fianco di tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori, in particolare nelle tante, troppe crisi aziendali che funestano il nostro territorio».

«Una questione di rilevanza nazionale, tutt’altro che locale – puntualizza Falà – di cui ci faremo carico coinvolgendo il Governo e il ministro Andrea Orlando».

Nell’assemblea di ieri alla Palombella si è ribadito il «sostegno pieno alle Amministrazioni di centrosinistra, all’operato dei rappresentanti provinciali in Consiglio regionale, all’attività di opposizione dei gruppi consiliari Pd ove non al governo e si è evidenziata l’importanza decisiva delle sfide elettorali di Jesi e Fabriano nel 2022, e di Ancona nel 2023».

Roberto Piccinini è stato indicato come presidente pro tempore dell’assembla provinciale e nelle prossime settimane si provvederà all’elezione dei membri degli organi dirigenti (presidenza, segreteria e direzione), «tenendo ferma l’intenzione – ribadisce Falà – di voler privilegiare le ragioni dell’unità rispetto ai cavilli del regolamento».

(m.g.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

News