Segui QdM Notizie

Attualità

JESI Giocoleria a domicilio con Simon Luca Barboni

Le lezioni individuali all’aperto per offrire a bambini e adulti nuovi stimoli

JESI, 31 marzo 2021 – In tempi in cui la pandemia ci costringe a stare in casa e a vedere assopiti o quanto meno sospesi i nostri interessi, un nuovo stimolo è proprio quello che serve. Da qui l’idea di Simon Luca Barboni, mago e giocoliere 33enne di Jesi, che con l’arrivo della bella stagione ha pensato di portare a casa dei bambini – ma non solo – divertimento e svago.

Le sue lezioni di giocoleria a domicilio, rivolte soprattutto ai bambini dai 7 anni in su, ma anche a ragazzi e adulti, sono un’occasione per scoprire un nuovo interesse, per trascorrere un pomeriggio diverso e per acquisire nuove abilità.

Appuntamenti individuali di un’ora per riaccendere stimoli che mancano da un anno a questa parte, il tutto nel rispetto delle normative anti-Covid. Si svolgono in spazi aperti, privati o condominiali, giardini o terrazze che possano garantire il distanziamento. Simon Luca indossa sempre una Ffp2 e sanifica gli attrezzi prima di cambiare lezione. Attrezzi dedicati e personali (diablo, foulard, palline, piatti cinesi), toccati solo dai bambini protagonisti della lezione.

Simon Luca Barboni si è avvicinato alla giocoleria a 15 anni, imparando da autodidatta

Si è poi specializzato in teatro gestuale seguendo workshop e stage in Italia. Fra i 18 e i 20 anni ha insegnato giocoleria e magia, d’estate, nei villaggi turistici, e ha poi proseguito la strada dell’insegnamento per 6 anni, diventando istruttore di acrobatica aerea a Falconara e Chiaravalle.

Simon Luca contamina la sua passione per il circo con tecniche di clown e mimo.

«Lanciare oggetti è quello che lo affascinasi legge nel sito di Aria di Circo: la perenne sfida alla forza della gravità che si conclude con un lancio verso l’alto».

Nel 2018 ha fondato la compagnia L’abile teatro con Mirco Bruzzesi, nata con lo spettacolo Mago per svago: la compagnia ha all’attivo 5 produzioni di spettacoli differenti, portati in 7 nazioni europee con più di 300 repliche. A febbraio l’ultima produzione: Who is the stranger?, una perfomance digitale vincitrice del bando Marche palcoscenico aperto.

Simon Luca Barboni (a destra) e Mirco Bruzzesi

«Credo che stimolare nuove curiosità e conoscenze in un periodo in cui tutto è piatto possa creare grandi riscontri – ha detto Simon Luca –. Se i bambini sentono un picco di felicità o affezione verso una nuova attività, associano poi l’attrezzo al mezzo attraverso il quale hanno riscoperto la felicità attraverso il gioco. Mi sembra il momento più opportuno per creare i nuovi stimoli, in tempi in cui quelli vecchi sono stati assopiti – dalla scuola allo sport, solo per citare quelli più macroscopici».

Le sue lezioni di giocoleria a domicilio sono pensate per essere un appuntamento singolo o un percorso settimanale, a discrezione delle famiglie.

«Spesso i bambini si comprano i propri attrezzi per continuare a sperimentare la giocoleria», ha aggiunto.

Con un prezzo accessibile a tutti, l’iniziativa ha già preso piede a Jesi e nella Vallesina.

«Se ci sono colleghi sparsi nelle Marche, visto che siamo in tanti, che hanno voglia di organizzarsi nelle proprie zone, sarebbe bello capillarizzare l’iniziativa».

Elisa Ortolani

©RIPRODUZIONE RISERVATA

News