Segui QdM Notizie

Cronaca

JESI Virtual tour immersivo a Palazzo Pianetti

L’assessore alla Cultura, Luca Butini: «I musei sono chiusi ma non fermi, grazie a un uso virtuoso della tecnologia»

JESI, 20 gennaio 2021Palazzo Pianetti e la sua Pinacoteca approdano su Google Street View e nel sito del Comune con un tour virtuale. Grazie alla collaborazione con l’azienda T-Lize di Roberto Telli e Raffaella Abbate, che hanno curato anche il dj set di Capodanno, Palazzo Pianetti è stato indicizzato su Google attraverso la tecnologia di Street View (visibile cliccando qui) e le sue panoramiche tridimensionali ed è diventato protagonista di tour virtuali immersivi che saranno accessibili a giorni dal sito del Comune di Jesi e dalla pagina Facebook Jesi Cultura e Turismo.

«I musei sono chiusi ma non fermi – ha detto l’assessore alla Cultura, Luca Butini -. Cerchiamo di fare in modo che le restrizioni portino a qualcosa di buono, attraverso un uso virtuoso della tecnologia che non sia a scapito ma a integrazione della cultura tradizionale, per una fruibilità sempre più allargata».

Uno strumento dalla grande efficacia educativa, oltre che un modo per far conoscere le bellezze della nostra città e dell’Italia e dare a questi luoghi, spesso non abbastanza noti, un’identità territoriale-geografica.

«Si tratta di un invito alla visita in presenza, per incuriosire prima della riapertura, che speriamo avvenga presto – ha sottolineato Simona Cardinali dei Musei Civici di Jesi -. Un progetto fondamentale per la promozione turistica, oltre che per la didattica on line».

T-Lize si occupa di virtualizzazione dal 2012, e collabora con Google nel censimento delle realtà culturali. Raffaella Abbate si occupa della fotografia, mentre Roberto Telli è l’organizzatore e promotore del progetto, che il 1 gennaio 2021 ha suonato al dj set in diretta organizzato proprio a Palazzo Pianetti insieme a Daniele Baldelli. E proprio in quell’occasione ha sperimentato per la prima volta l’idea di un book digitale che unisce musica e immagini in diretta.

«La fotografia immersiva, tridimensionale, permette un percorso soggettivo, seguendo il principio della verosimiglianza, a differenza della fotografia tradizionale, che impone un filtro soggettivo attraverso l’occhio del fotografo».

«In primavera toccherà ai cortili esterni di Palazzo Pianetti – hanno concluso -, e aggiungeremo brevi didascalie con nozioni sui quadri e sulle sale». [nk_awb awb_type=”image” awb_image=”291936″ awb_image_size=”full” awb_image_background_size=”contain” awb_image_background_position=”50% 50%” awb_parallax=”scroll” awb_parallax_speed=”0.5″ awb_parallax_mobile=”true” awb_styles=” padding-top: 150px; padding-bottom: 150px;” link=”http://www.caprariauto.it” linkdest=”_blank” awb_class=”caprari”][/nk_awb]

Gli utenti dei tour virtuali possono prendere appunti come se studiassero su un libro, ma con la velocità della fruizione web. E alla fine di questa settimana verrà lanciato il trailer del progetto.

Elisa Ortolani

©RIPRODUZIONE RISERVATA