Connect with us

Attualità

CINGOLI / Consiglio comunale, il dibattito sulle spese e sui finanziamenti

Si sono discusse le uscite legate all’emergenza Covid-19 e nuovi bandi per progetti di infrastrutture, come quello legato alla Macchia delle Tassinete

CINGOLI, 27 maggio 2020Non ci sono state solamente polemiche al Consiglio comunale di venerdì scorso 22 maggio a Cingoli.

Si è parlato molto, infatti, di alcune variazioni di bilancio, causate dalle spese improvvise provocate dall’emergenza Covid-19, e di diverse iscrizioni a finanziamenti di bandi regionali su alcuni interessanti progetti, tra cui quelli legati alla Macchia delle Tassinete e alla pista ciclo-pedonale verso il “Foro”.

Le spese legate al Covid-19

L’assessore al bilancio Gilberto Giannobi ha comunicato, in primo luogo, alcune delibere urgenti per adeguare le voci di entrata e di spesa all’emergenza coronavirus. Nello specifico, sono state previste variazioni per coprire i costi del vitto e alloggio della Marina Militare impegnata nell’emergenza alla Casa di riposo, le spese sui dispositivi di sicurezza e igenizzazione, i compensi per i turni straordinari degli agenti della Polizia Locale, per un totale di circa 40 mila euro.

La casa di riposo di Cingoli (in fondo)

I gruppi di opposizione hanno chiesto chiarimenti in merito a tali spese. In particolare, la consigliera di “Centrodestra per cambiare”, Maria Catia Marchegiani, ha chiesto il costo complessivo delle spese  per il focolaio Covid-19 sulle casse del Comune, ma l’assessore Giannobi ha detto che non è possibile quantificarle sia perché l’emergenza è ancora in corso che per le donazioni pervenute dai privati.

«Faccio presente – ha dichiarato in seguito il consigliere di “Uniti per Cingoli”, Raffaele Consalvi – che una variazione di bilancio significativa è considerata nelle spese dell’emergenza Covid-19 nella Casa di riposo. Nello specifico mi riferisco al vitto e all’alloggio della Marina Militare. È una somma considerevole, che deve essere rimborsata all’Asp9 di Jesi, perché il comune si è sostituto giustamente all’Asp e alla cooperativa, ma dovevano essere questi ultimi a dare risposte. Cingoli ha sostenuto spese di decine di migliaia di euro. Il Comune si faccia promotore per avere un ritorno dall’Asp di Jesi di quello che ha speso all’interno della Casa di riposo».

Vittori e Saltamartini hanno voluto precisare sul tema.

«Le spese scaturite – ha detto il Sindaco – dall’emergenza Covid-19 sono state sostenute con donazioni di privati e aziende. È chiaro che è previsto il rifacimento verso l’Asp9 e verso l’Asur, anche se dobbiamo capire su quali Amministrazioni dobbiamo far valere i nostri diritti».

«Abbiamo avuto – ha aggiunto il vice Sindaco – donazioni in natura, non monetarie. Le somme pecuniarie donate sono state collocate in un apposito capitolo per l’acquisto di una parte delle mascherine distribuite. Non sono quantificabili le spese sostenute».

Stanziamenti di bandi per nuovi progetti

Quindi, sono stati annunciati importanti bandi a cui l’Amministrazione comunale ha aderito, per i quali è necessaria l’iscrizione all’albo regionale apposito.

Si tratta, nello specifico, dell’accesso a fondi statali per l’efficientamento energetico degli immobili comunali (90mila euro), di un contributo di 300mila euro per l’efficientamento energetico della pubblica illuminazione, della somma di 250mila euro per la realizzazione del secondo stralcio della pista pedonale-ciclabile “Tassinete”, di un’ammontare di 60.500 euro per l’acquisto di veicoli elettrici (aumentato del 21% in caso di aggiudicazione del bando), di quasi 61.500 euro per lavori di ampliamento e sistemazione esterna del centro anziani di Grottaccia, di 8.500 euro per interventi di adeguamento degli spogliatoi degli operai comunali nel deposito comunale di località Campana.

Altri 20mila euro arriverebbero da un contributo regionale per il miglioramento della rete degli autobus per la realizzazione di una pensilina presso la zona industriale Cerrete Collicelli. Lo stesso fondo ha previsto l’ammodernamento della fermata di Mummuiola, spostata di circa 50 metri dalla sua sede originale, scatenando diverse polemiche tra la popolazione della frazione a causa di qualche posto auto sottratto al parcheggio. 

È interessante anche la somma di 22mila euro per la realizzazione di percorsi nordic walking presso la Macchia delle Tassinete.

«L’intento – ha poi spiegato il sindaco Michele Vittori – è quello di creare un vero parco in quella zona».

L’area è frequentata da tante persone per camminate, pedalate o corsette a pieni polmoni, per via delle folta radura presente. Perfino il Sindaco è solito percorrere i sentieri di quella zona in bicicletta con amici. 

Un sentiero della Macchia delle Tassinete

Lo stanziamento socialmente più importante riguarda la progettazione della futura nuova Casa di riposo, per un ammontare di 100mila euro. L’ufficio di ragioneria e l’organo di revisione hanno dato parere favorevole alla variazione di bilancio.

Tutti i fondi stanziati dal governo italiano per il sostegno alimentare, infine, sono stati completamente distribuiti tramite buoni spesa.

Il commento delle opposizioni e del Sindaco

Le opposizioni hanno accolto con comprensione i fondi stanziati, anche se non sono mancate alcune critiche.

«Non ho nulla da dire – ha aggiunto Raffaele Consalvi – per la parte tecnica. Si poteva agire, tuttavia, diversamente nel metodo, dato che alcune variazioni erano obbligatorie per finanziamenti extra non previsti. Si poteva attingere da altri fondi, come quelli per il mancato pagamento dei mutui comunali. Sarebbe stato meglio aprire un confronto per stabilire priorità e vedere cosa sarebbe stato possibile fare, alla luce dei nuovi problemi emersi. Temo che verranno fatte variazioni di bilancio una dietro l’altra. Sul merito non posso fare considerazioni negative, ma avrei preferito un confronto con le minoranze: così ci dite “o votate a favore oppure contro”».

«Ci sarebbe piaciuto – ha commentato la consigliera di “Centrodestra per cambiare” Anna Maria Tittarelli – vedere un rimborso delle rate della retta degli ospiti della Casa di riposo per i mesi di marzo ed aprile».

Il sindaco Michele Vittori si è dimostrato comprensivo nel commentare le perplessità delle minoranze.

«Accogliamo – ha dichiarato – i suggerimenti, nella prossima fase valuteremo ciò che avete richiesto. Ci sono interventi positivi nella variazione di bilancio per la Fase 2 e sul rilancio di Cingoli dal punto di vista turistico e sociale. Ci sono interventi per la valutazione degli ambienti naturalistici, che sono un nostro patrimonio inestimabile. É prioritaria la previsione di fondi propri per lo studio di fattibilità della nuova Casa di riposo, in considerazione anche degli ultimi avvenimenti».

Giacomo Grasselli

giacomo.grasselli@qdmnotizie.it

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ferramenta Sarti - Castelplanio


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.