Connect with us

Ricette per il sorriso

COTTO&MANGIATO / La rubrica di Gioia Morici

cotto e mangiato vignetta gioia

PIÙ LO MANDI GIÙ PIÙ TE TIRA SU

 

«Sandrì, que hai fatto? C’hai ‘na faccia!». «Lassame sta’…». «Dimme, dai, non te vergogna’, semo amici da 30 anni!». «Lassame perde, te dico…». «Aho, me stai affà preoccupa’, c’hai un muso che te ‘riva giù i ginocchi! Ma è grave? È successo qualco’ a tu’ sòcera?». «Magaari…no, dico, magari de ‘sti tempi poteva pure esse, ma pe’ fortuna gnente. No no, è ‘na cosa mia. So’ tanto giù». «Oh, Gesù Giuseppe e Maria…te sta a venì l’occhi lucidi…che sarà mai…». «Na robba brutta un gran bel po’». «Qualcò de lavoro?». «Peggio». «Hai combinado qualche cazzada fòri casa». «No no. Peggio». «Peggio? Ma que t’ è successo?? Parla, ciambotto, me stai affà pià un colpo!». «DA 8 GIORNI NON FO COLAZIÒ AL BAR». «Che te piasse sonno! Tutto ‘sto patema d’animo pe’ la colaziò??». «E sci eh, dopo 50 anni de cappuccino da Cucchiarò, a levallo cuscì, de botta e chioppo, senza ‘no straccio de preavviso, te pare modo?? io ce so’ rimasto male muntobe’». «Ma la farai lì casa colaziò, no? Que te piagni!». «Lì casa?? Co’ mi moje che appena sveja già roppe i cojoni?? Sarai matto, faccela te!».

C’è poco da fa’: l’Italia è una Repubblica fondata sul caffè al bar. Ce puoi toglie tutto a noi italiani, veramente, pure le mutande, ma non ce devi tocca’ la colazio’ fuori casa, perché è un attimo che scatta la strage. Altro che Robespierre: famo ‘na rivoluziò che i francesi se la sogna! Aridatece il cappuccino, infami! Non è questa la vita che volevamo vivere! Semo gente che senza la brioche è persa, semo un popolo che senza il “marocchino macchiato caldo” va giù, se spegne…se la mattina non ce dai il cornetto co’ la marmellata non ce andamo a fatiga’, che ce gimo affà?? Eppò sempre lo stesso cornetto ce devi da’, quello che piàmo da 25 anni, se ce ne dai un altro te lo tiramo sulla testa…la felicità nte sto mondo ce l’avemo costruita a piccoli strati de pasta sfoglia, non è che ce puoi toje ‘ste certezze, sennò ammazzace, che ce fai meno male.

Che tragedia! Ammo’ vojo vede co’ sti decreti come ce combinano a Natale. Se non ce lassa fa’ il cenone coi parenti, come famo?? E se ce lo lassa fa’ con 6 persone al massimo?! Capirai, mì madre manco ce apparecchia per 6 persone…sarebbe un affronto, scherzi? È ‘na questio’ de principio: o se magna bembe’ o non se magna per niente. Che no’ lo sai? Per l’italiano la cucina è ‘na cosa seria, l’italiano è uno che quando c’è da abbuffasse ce se mette de fino e non se tira indietro, nessuno al mondo usa la forchetta più de noi, specie se semo in compagnia, se è Natale poi…capirai! Ce mettemo a tavola il 20 de dicembre e ce tiramo su verso l’8 de gennaio, buttando nte la panza de tutto, che quando se tratta de ingozzacce a noi non ce mette capo niente. “Buono, che è?”. “È strutto”. “Non ho capito”. “È strutto, magna”. “Me farà male?”. “Nooo, come ce pensi, magna”. È una religione il pasto in Italia, ce sfamiamo con senso del dovere, c’è poco da fa’, in questo semo serissimi, non c’è mascherina o museruola che tenga, a tavola finimo tutto ciò che avemo cominciato e bevemo tutto quel che c’è da beve…può scende anche la Madonna che non famo una piega, anzi, le diciamo “Si sieda, Altissima, favorisca. Gradisce una lasagnetta? Pasta fresca fatta in casa col lasagnolo…sentirà che robbetta!”. A stomaco vuoto, aivoja a discore, aivoja le pandemie, ce vie’ ‘na tristezza che non ce la leva manco Cristo.

Per questo, Peppe, mettete ‘na mano sulla coscienza, la popolaziò è a un passo dal baratro: riapri le saracinesce, facce consuma’! Con l’asporto non ce famo un accidente, l’asporto ce fa un grandissimo baffo…volemo rientrà in trattoria e venì travolti dalla puzza di fritto, sentì quel shshsh dell’olio caldo sulla padella che ce avvicina a Dio. “I signori desiderano acqua liscia o gassata?”. “Fritta, ce la porti fritta”. E il cameriere, impassibile, non dice “Non ho capito”, dice “Vado a controllare in cucina”, perché in Italia al cameriere è stata insegnata questa importantissima regola e cioè che non deve mai, mai per nessuna ragione al mondo, dire di no, mai si deve usare la negazione per esprimere un concetto legato al cibo, perché se chiedi una cosa da magna’ e uno te risponde no, non te rovina solo la serata, ma anche la settimana, forse addirittura la vita, ti viene dentro un misto di dolore e di spavento e smarrimento che non va bene. Ecco perché ce piace tanto piglia’ il caffè fuori casa: perché al bar, in pizzeria o al ristorante, non esiste la delusione. Lì qualunque cosa chiedi, come in una perfetta favola d’amore, la risposta è sempre .

Cameriere, il conto!

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento
0 0 vota
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x