Connect with us

Ricette per il sorriso

COTTO&MANGIATO / La rubrica di Gioia Morici

cotto e mangiato vignetta gioia

A NATALE PUOI…MA MICA TANTO

 

Marì, te hai capìdo quanti se ne pole invidà pe’ ste feste?

– Vincè mia, poghi muntobè!

Allora tu’ madre armane lì casa. Weh, se s’ha da fa’ ‘n sagrificio…

– Ello, te parea che non tirava fòri a mi madre!

Come non detto…la lasso sta’. Comunque a da’ ‘na bella scremàda c’ha i suoi lati positivi: intanto st’anno non ce dovemo sciroppà a quel sarnà de tu’ cugino!

– Puretto…que t’ha fatto?

Non te ricordi l’anno scorso? Te stavi a la Messa, io ero solo lì casa, quanno sòna d’improvviso el campanello: “Chi è?”, dice: “So’ Giulio”. “Giulio chi?”. “El fradello de Marino”. “E Marino chi è?”. “Marino è mì fradello!”. Eppò è stado zitto un par de minudi bòni…oh, ero tentàdo de scenne le scale e daje quattro sventolù.

– Te si sempre esageràdo!

Esageràdo? Paréa che me piàva in giro! Comunque ho cercàdo de sta’ calmo: “Vabe’, ma te e Marino chi cazziga sede?”. E lù finalmente s’è presentàdo: “Come chi semo? Semo i fiji de Gostà de Montalbì, ammò vie’ su pure lu’, è gido a parcheggia’. Semo tutti”. “Tutti chi??”. “Io, babbo, mamma e Marino”. Capìdo che bello scherzetto che c’ha fatto Gostà, el cugino tua de Cingoli? Pe’ fortuna che a quel fedò no l’ho mannàdo a moriammazzàdo.

– Sci, mi cugino c’ha fatto quella improvvisàda e ha toccàdo a invitallo a pranzo.

L’avrò visto sci e no tre ‘olte in vida mia e guarda caso s’è sempre presentàdo quanno a casa c’era da magna’ pe’ no reggimento…‘sto scroccò!

– Daje, che po’ c’ha fatto ride…

A me veramente m’ha fatto piagne: ha vinto tre ‘olte la tombola, posci arde!

– E va be’…tanto qualcuno dovéa vince.

Sci, ma terna, quaterna e cinquina l’ha vinte tu’ madre, tombola Gostà, el Mercante in fiera el marìdo de tu’ sorella…in poghe parole: tutti i guadrìni è gidi a la famija tua! Te pare giusto?

– Su, che dopo te sì rfatto co’ la briscola.

Sci, parecchio! Pe’ ‘mucchià quattro bocchi in coppia co’ tu’ padre, ha toccàdo a sudà sette camicie! Oh, cingue ‘olte j’ho fatto l’occhietto, n’ s’è accorto de nie’!

– Ma c’ha la cataratta, chissà que se accorge!

Allora a carte non ce pò giogà!

– E lassalo divertì ‘n boccò, c’ha quasi 90 anni, sci je levi pure sse sciapàde…

A parla’ co’ te è come fa’ a core col lepre! È inutile: ce vòi sempre ave’ ragiò. St’anno a Natale, parto, altro che.

– Ma ndo vai?

Fòri.

– Ma c’è el virusse, non se pole. Al massimo pòi gì a Ripabianga…ma occhio che laggiù c’è ‘l bobò!

Ah, tu’ madre ha scasàdo?

– Spiritoso! Sai que te digo, m’hai stufado, vo a dormì. Te amo, gnorantò.

Pure io.

– Me ami?

– No, vo a dormì.

– Oh, 35 anni de matrimonio e non t’è passàdo un giorno.

Cioè, so’ sempre giovane?

– No…SI SEMPRE TRISTO RABBÌDO!

 

BUON NATALE A TUTTI, JESINI E NON…CE SE RISENTE DOPO LE FESTE!

 

 

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche