Connect with us

il parere dell'esperto

BENESSERE / “NON MANGIO LEGUMI PERCHÉ MI GONFIANO!”: CONSIGLI PER NON RINUNCIARE A QUESTI ALIMENTI SALUTARI

Un nostro spazio quotidiano affidato ad esperti di settore. La rubrica “Il parere dell’esperto” si interesserà di Fiscalità, Medicina, Psicologia, Giurisprudenza, Osteopatia e Nutrizione.

Chiara Picardi, Biologa Nutrizionista

 

 

 

“NON MANGIO LEGUMI PERCHÉ MI GONFIANO!”: CONSIGLI PER NON RINUNCIARE A QUESTI ALIMENTI SALUTARI

Eliminare i legumi dalla nostra alimentazione perché provocano gonfiore è un errore, poiché rinunceremo alle loro proprietà benefiche. I legumi sono un’ottima fonte di proteine vegetali, fibre, sali minerali, vitamine e acidi grassi polinsaturi. Legumi e cereali (il classico piatto di pasta e fagioli o pasta e ceci) conditi con del buon olio extravergine d’oliva, sono il miglior piatto unico che si possa immaginare. I legumi hanno effetto ipoglicemizzante (riducono i livelli di glucosio nel sangue) ed ipocolesterolemizzante. In realtà l’intestino lo “mettono a posto”, perché le fibre in essi contenuti sfiammano le mucose intestinali e ripuliscono il colon dalle tossine agevolando il transito intestinale e combattendo la stitichezza. Per questo anche chi soffre di gonfiore addominale o di colite (non in fase acuta) possono iniziare ad aggiungerli gradualmente alla loro alimentazione seguendo alcuni accorgimenti:

Se li preparate in casa aggiungete un pizzico di bicarbonato all’acqua di cottura (se non lo avete usate i semi di finocchio) in modo da rendere più morbida la buccia (la vera causa dei fastidi intestinali, provocando fermentazione una volta arrivata nel nostro intestino) e quindi più gradevole la digestione.

Prima della cottura mettete a bagno i legumi secchi almeno per 8-12 ore riducendo così sia i tempi di cottura che la fermentazione, l’acqua però va cambiata molto spesso, e una migliore digeribilità si ottiene da un ammollo in frigorifero e non a temperatura ambiente. Lessate i legumi sempre senza sale che aggiungerete a fine cottura, scolateli al dente e proseguite la cottura in un’altra casseruola con gli odori e le verdure: pezzettini di sedano, carote e alga kombu, sconsigliata per chi soffre di ipertiroidismo, ipertensione e da evitare in gravidanza.

Usare odori, erbette e spezie aiuta e renderli molto più digeribili soprattutto aggiungendo: alloro, santoreggia, zenzero, origano, basilico che ostacolano la formazione dei gas di fermentazione. I legumi in barattolo non fanno male ma non sapendo quali metodi siano stati usati per la loro cottura e poiché l’acqua di governo è molto salata vanno sciacquati con accuratezza. Se fagioli, ceci e fave vi creano disturbi, nonostante queste precauzioni, optate solo per le lenticchie, in particolare quelle rosse, che non necessitano di messa a bagno prima della cottura e che sono più digeribili.

Dott.ssa Chiara Picardi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

il parere dell'esperto

MEDICINA PER ME / ICTUS, I CONSIGLI DEL DOTTOR EMANUELE MEDICI

Medicina per Me è uno spazio affidato ad esperti di settore che spiegano con un linguaggio semplice e comprensibile le diverse patologie.

 

 

 

 

Rubrica a  cura di Agnese Testadiferro

 

 ICTUS, I CONSIGLI DEL DR EMANUELE MEDICI

Cinque le regole da seguire per ridurne il rischio d’insorgenza: non fumare, bere acqua, mantenere il peso giusto, fare regolarmente esercizio fisico e mangiare equilibrato.

Esistono due tipi di ictus. L’ictus ischemico che è il più frequente ed è caratterizzato da un’arteria che si chiude e il sangue che deve arrivare in quella specifica area al cervello non arriva. Nell’ictus emorragico si ha la rottura di un’arteria che determina quindi un’emorragia.

I sintomi dell’ictus sono differenti: il soggetto perde la forza da una parte del corpo ed ha la bocca storta; non riesce a dire cosa ha in mente o cade all’improvviso perché non ha più equilibrio e da un momento all’altro non è coordinato nei movimenti. Talora, e questo più nell’ictus emorragico, si puó  anche avere nausea e vomito. Un’emorragia cerebrale in sedi non tipiche potrebbe rappresentare un inizio di una demenza.

Le cause dell’ictus sono: età che avanza, fumo, ipertensione, diabete, ioercolesterolemia patologie cardiache.

Importantissimo il fattore tempo per limitare le conseguenze: prima si arriva alla struttura ospedaliera competente per malattie cerebrovascol meglio è;  questo perché se un paziente ha un ictus ischemico e soddisfa particolari requisiti, può essere curato tramite metodiche ultraspecialistiche che hanno come fine quello o di sciogliere il trombo che chiude un’arteria (fibrinolisi venosa) o rimuovere addirittura il trombo meccanicamente (tombectomia meccanica).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Continua a leggere

il parere dell'esperto

BENESSERE / SCOPRIAMO I CEREALI IN CHICCO: IL GRANO SARACENO

Un nostro spazio quotidiano affidato ad esperti di settore. La rubrica “Il parere dell’esperto” si interesserà di Fiscalità, Medicina, Psicologia, Giurisprudenza, Osteopatia e Nutrizione.

 

 

Chiara Picardi, Biologa Nutrizionista

 

 

 

SCOPRIAMO I CEREALI IN CHICCO: IL GRANO SARACENO

Il Grano Saraceno (Fagopyrum esculentum) è una pianta erbacea annuale, della famiglia delle Poligonacee, ad accrescimento indeterminato con una fioritura continua che comporta una raccolta scalare. Il grano saraceno non fa parte della famiglia delle Graminacee ma per le sue caratteristiche nutrizionali, tecniche e per il suo impiego in cucina, viene definito pseudocereale (come la Quinoa).

Il grano saraceno viene coltivato essenzialmente per ricavarne dai suoi chicchi farina ad uso alimentare. I chicchi vengono anche utilizzati insieme alla pianta per foraggiare gli animali d’allevamento e non solo per l’alimentazione dell’uomo.

Il grano saraceno viene coltivato in zone molto fredde, dove gli altri cereali non riescono a crescere e fruttificare. Dalle foglie e dai fiori è ricavata la rutina (vitamina P) usata nel trattamento della fragilità dei capillari e dell’ipertensione. Il suo contenuto in D-chiro-inositolo, legato alla produzione di insulina, lo rende interessante per il trattamento del diabete.

Un’alimentazione prolungata con grano saraceno può però provocare una malattia nota come fagopirismo dovuta alla presenza di una sostanza fotosensibilizzante, la fagopirina, che causa eruzioni cutanee determinate da un’abnorme sensibilità della pelle.

A livello nutrizionale (fonte INRAN) 100 gr di grano saraceno apportano circa 314 calorie suddivise in: 12,4 grammi di proteine, 3,3 grammi di lipidi, 13,1 grammi di acqua e 62,5 grammi di carboidrati di cui 6 g di fibra totale. Ovviamente tra i lipidi non è presente il colesterolo.

Questo pseudocereale è anche un’ottima fonte di sali minerali tra cui: potassio, magnesio, calcio, zinco, selenio, fosforo e ferro.

Il grano saraceno come già visto per l’avena ha un elevato valore biologico delle sue proteine con un buon quantitativo degli 8 aminoacidi essenziali tra cui lisina, treonina e triptofano.  La lisina, è presente in percentuali elevate, superiori a quelle dell’uovo e di tutti gli altri cereali.

Il grano saraceno non contenendo glutine può essere tranquillamente utilizzato da chi soffre di celiachia e di intolleranze al glutine, ricordatevi sempre però di controllare l’etichetta dei prodotti che acquistate e se fossero riportate eventuali contaminazioni con altri cereali.

Dott.ssa Chiara Picardi Biologa nutrizionista

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

il parere dell'esperto

FISCALITÀ / “BONUS MOBILI”

Un nostro spazio quotidiano affidato ad esperti di settore. La rubrica “Il parere dell’esperto” si interesserà di Fiscalità, Medicina, Psicologia, Giurisprudenza, Osteopatia e Nutrizione.

 

Michele Paolucci, Dottore Commercialista e Revisore Legale

 

 

“BONUS MOBILI”

Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. L’agevolazione è stata prorogata dalla recente legge di bilancio anche per gli acquisti che si effettueranno nel 2018, ma potrà essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato a partire dal 1° gennaio 2017.

La detrazione va ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro. Il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari avrà diritto al beneficio più volte: l’importo massimo di 10.000 euro va, infatti, riferito a ciascuna unità abitativa oggetto di ristrutturazione.

A titolo esemplificativo, rientrano tra i mobili agevolabili letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (per esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

La realizzazione di lavori di ristrutturazione sulle parti comuni condominiali consente ai singoli condòmini (che usufruiscono pro quota della relativa detrazione) di detrarre le spese sostenute per acquistare gli arredi delle parti comuni, come guardiole oppure l’appartamento del portiere, ma non consente loro di detrarre le spese per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici per la propria unità immobiliare.

L’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

Per avere la detrazione occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. Se il pagamento è disposto con bonifico bancario o postale, non è necessario utilizzare quello (soggetto a ritenuta) appositamente predisposto dalle banche per le spese di ristrutturazione edilizia.

La detrazione è ammessa anche se i beni sono stati acquistati con un finanziamento a rate, a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità prima indicate e il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento.

Michele Paolucci dottore commercialista

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Ti possono interessare

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - per la pubblicità: commerciale@qdmnotizie.it - tatufoli.commerciale@qdmnotizie.it - tel. +39 349 1334145